fbpx

Depersonalizzazione/derealizzazione

Decorative Image

Il disturbo di depersonalizzazione/derealizzazione è uno stato alterato di autoconsapevolezza e identità che si traduce in una sensazione di dissociazione, o separazione, da se stessi, dall’ambiente circostante o da entrambi. Poiché è normale sentirsi in questo modo brevemente e occasionalmente – a causa degli effetti collaterali di farmaci, droghe ricreative, o alcune condizioni di salute fisica e mentale – il disturbo di depersonalizzazione/derealizzazione viene solitamente diagnosticato solo se tali sentimenti di distacco ricorrono frequentemente, causano angoscia e interferiscono con la qualità della vita di un individuo.

Sintomi

La depersonalizzazione è un senso di sperimentare il proprio comportamento, pensieri e sentimenti da una distanza che potremmo definire onirica.

Secondo il DSM-5, i sintomi includono:

Sentirsi emotivamente insensibile, o come se la persona non controllasse le sue parole e azioni
Sentirsi distaccato dalle sensazioni ordinarie, come il tatto, la sete, la fame e la libido

La derealizzazione è un senso di distanza dalle attività in corso nel mondo, o la sensazione che l’ambiente circostante sia distorto o in qualche modo irriconoscibile. Questo può includere:

Sensazione che gli oggetti siano della dimensione o del colore sbagliati
Sensazione che il tempo stia accelerando o rallentando
Sentire i suoni più forti o più morbidi del previsto
Sentirsi come se si stesse guardando gli eventi e le attività che si svolgono in un film o sullo schermo di un computer, piuttosto che partecipare realmente

Per rientrare in una diagnosi di disturbo di depersonalizzazione/derealizzazione, questi episodi devono causare angoscia clinicamente significativa e/o rendere difficile per la persona di funzionare normalmente al lavoro, a scuola o in un ambiente sociale. Inoltre non devono essere attribuibili a un’altra condizione psicologica come la schizofrenia. Gli individui con disturbo di depersonalizzazione/derealizzazione generalmente iniziano a mostrare segni nella prima infanzia; i sintomi si verificano raramente per la prima volta negli adulti oltre i 40 anni, e solo il 5% si verifica negli adulti oltre i 25 anni.

Gli episodi di depersonalizzazione e/o derealizzazione possono durare per ore o giorni alla volta e ripetersi per settimane, mesi o addirittura anni. In ogni momento, l’individuo è tipicamente consapevole sia dei suoi pensieri interiori che di ciò che sta accadendo intorno a lui; di conseguenza, è consapevole del fatto che si sente distaccato dal suo corpo e/o da ciò che lo circonda. È comune per le persone con il disturbo di depersonalizzazione/derealizzazione temere di non esistere veramente, o che i loro sintomi siano il risultato di un danno cerebrale irreversibile.

Cause

Una storia di grave stress, negligenza o abuso fisico o emotivo può portare al disturbo di depersonalizzazione/derealizzazione. Momenti acuti di stress, ansia o trauma possono anche innescare i sintomi in individui senza una storia di tali fattori. Gli studi hanno dimostrato che una scarsa qualità del sonno è associata a sintomi più gravi di dissociazione. Il disturbo di depersonalizzazione/derealizzazione si verifica con la stessa frequenza sia negli uomini che nelle donne.

Trattamento

Poiché il disturbo di depersonalizzazione/derealizzazione si verifica spesso con (e può essere innescato da) altri problemi di salute mentale, come l’ansia e la depressione, il trattamento può essere difficile. Affinché il trattamento abbia successo, il terapeuta deve sviluppare un piano individuale e affrontare alla fine tutti i sintomi e le condizioni. Si dovrebbe tenere d’occhio se il paziente sperimenta pensieri o impulsi suicidi. La terapia psicodinamica è indicata in questotipo di problematiche. Oltre alla psicoterapia, i farmaci antidepressivi e ansiolitici sono spesso utilizzati per trattare il disturbo di depersonalizzazione/derealizzazione.

7 Effetti nascosti del trauma

Counselling

LE BASI

Cos'è il trauma?

Punti chiave

Molte persone non conoscono il vero impatto del PTSD (Disturbo post traumatico da Stress) e dei traumi complessi.
Il trauma può avere un impatto su una persona in diversi modi, creando importanti danni sociali, emotivi e occupazionali.
Il trauma e il trauma complesso non sono condanne a vita; sono trattabili con specifici approcci terapeutici.

Il trauma è una ferita, solo che non possiamo vederlo così chiaramente come le ferite fisiche. Si manifesta in altri modi più nascosti. Se capissimo meglio il trauma come società, guariremmo più velocemente e soffriremmo meno. Fortunatamente, gli effetti sottostanti sono trattabili usando la psicoterapia e altre modalità; non sono una condanna a vita. Ecco quello che molti non sanno.

  1. Trauma complesso

Molti non hanno sentito parlare di trauma complesso (CT). Supera il PTSD di solito nella gravità dei sintomi. Comprende difficoltà significative con la regolazione emotiva, le relazioni e l’identità di sé, e la frammentazione del sé.

Anche se gli effetti del trauma non sono negli eventi stessi, ma nel modo in cui il corpo e la mente registrano gli eventi, il CT di solito nasce da eventi traumatici che si verificano in modo esteso e continuo, di solito all’inizio della vita. Di solito è inflitto interpersonalmente, da esseri umani, invece che da disastri naturali o incidenti – spesso da chi si prende cura e dalle figure di attaccamento che dovrebbero essere di supporto e protettive, in cui la vittima non ha praticamente alcuna possibilità di sfuggire (Herman, 2015).

  1. Impatto psicologico del trauma

I postumi di un’esperienza traumatica tendono a dominare la vita della maggior parte delle persone che affrontano un PTSD diagnosticabile o un trauma complesso. La mancanza di connessione, le intrusioni, l’evitamento, i problemi di concentrazione, il sonno irregolare e l’ipervigilanza possono diventare così sconvolgenti da creare importanti danni sociali, emotivi e professionali per la maggior parte delle persone che ne soffrono.

Questa ri-esperienza involontaria del trauma può essere il tentativo della mente di integrare ed elaborare il contenuto “inquietante” verso una risoluzione , sottolineando lo scopo adattivo dei sintomi del trauma. Sfortunatamente, mentre la mente si sforza di risolvere l’evento traumatico, i suoi sforzi possono diventare controproducenti; possono causare un rivivere automaticamente l’evento traumatico che può riprodurre involontariamente i suoi aspetti più orribili e amplificare il rischio di esposizione a futuri eventi traumatici (Herman, 2015).

  1. Danni ai sistemi di elaborazione delle informazioni della mente

Il PTSD ricabla il sistema di elaborazione delle informazioni del cervello per interpretare gli stimoli non pericolosi come minacciosi. Il PTSD rende più difficile per chi ne soffre partecipare a informazioni nuove o essenzialmente non minacciose e regolare la propria attenzione e concentrazione (Van der Kolk, 2015). Dal punto di vista dell’EMDR, questo è il motivo per cui i ricordi traumatici sono considerati memorizzati “disfunzionalmente”, in modo disgiunto e disintegrato, separati dalle informazioni adattive e da altre esperienze positive o dalla conoscenza di sé.

La disintegrazione delle informazioni è ampiamente considerata come ciò che impedisce ad un dato evento traumatico di risolversi naturalmente da solo. In questo senso, i ricordi traumatici vengono essenzialmente immagazzinati psicologicamente come “emozioni e sensazioni corporee senza tempo” (Cvetek, 2008, p. 3). Pertanto, anche a distanza di anni e decenni, gli eventi traumatici possono avere significative implicazioni psicologiche e fisiologiche, trattate di seguito.

  1. Trauma e relazioni interpersonali

Il trauma tende ad aumentare il nostro bisogno di sopravvivenza per relazioni di attaccamento strette con persone che sono accessibili, reattive ed emotivamente impegnate. Tuttavia, il PTSD può erodere lo sviluppo e il senso di sicurezza e fiducia che promuovono e mantengono un attaccamento sicuro. La connessione profonda è ciò che più aiuta a guarire il trauma e una violazione della connessione è la radice del trauma.

Un trauma non trattato tende a indebolire i nostri legami con gli altri, non solo in senso relazionale, ma anche relativamente all’identità del signolo soggetto. Il pedaggio che un trauma non trattato può avere sulle relazioni può generalizzarsi non solo alle relazioni di attaccamento immediato di una persona, ma anche alla sua relazione con la rete sociale e la comunità. Può portare i sopravvissuti al trauma a desiderare urgentemente l’intimità emotiva, ma allo stesso tempo a respingere le loro relazioni intime. Può anche diventare scoraggiante e confuso per i partner delle vittime del trauma, che sono inclini a provare impotenza e vergogna quando assistono al dolore e all’impotenza del loro partner (Johnson, 2002; Shapiro, 2017), che è un trauma secondario.

  1. Trauma secondario

Molti partner di persone che hanno subito un trauma sperimentano un trauma secondario. Si parla di trauma secondario quando il partner che non ha subito l’evento o gli eventi traumatici sperimenta sintomi da trauma legati all’esperienza traumatica del partner e ai sintomi correlati (Figley, 2013). Questo è anche il motivo per cui è vitale per i sopravvissuti condividere le loro esperienze e i loro effetti con i loro partner.

Poiché il trauma in un partner predice in modo affidabile i sintomi del trauma nel suo partner, il disagio relazionale che ne deriva può mettere a repentaglio anche le relazioni più resilienti. Qualsiasi forma di disagio relazionale può anche peggiorare i sintomi del trauma. Anche le coppie impegnate e amorevoli possono diventare suscettibili di una serie di cicli di feedback in cui i sintomi del trauma aggravano il disagio della coppia e viceversa.

  1. Credenze e supposizioni distrutte

Anche se non è vero per tutte le persone che ne soffrono, il trauma non trattato può alterare il senso di sé di un individuo come meritevole di compassione, onestà e rispetto, e il mondo come fondamentalmente prevedibile, giusto e sicuro. Il trauma può anche mettere in discussione il senso di autonomia personale, la connessione con gli altri, l’identità e l’autonomia complessiva (Briere & Scott, 2006), e può portare a impotenza, dubbi su se stessi e vergogna.

  1. Impatto fisiologico del trauma

Un trauma non trattato può alterare il funzionamento del sistema nervoso autonomo, endocrino e centrale. Questo può portare a cambiamenti strutturali del cervello nel sistema limbico e nell’ippocampo, le regioni che elaborano i ricordi e le emozioni. Un trauma non trattato può anche modificare il funzionamento dei neurotrasmettitori responsabili della regolazione delle risposte allo stress, epinefrina e norepinefrina (Perry, 2009). Per esempio, le immagini del cervello mostrano che quando le persone con diagnosi di PTSD hanno flashback, le regioni legate al linguaggio e alla comunicazione sono inattive, il che fornisce una prova convincente che il trauma non trattato può compromettere la codifica linguistica (Van der Kolk, 2015). Così, per le persone che lottano con il PTSD, il loro cervello può regredire a uno stato di funzionamento primitivo guidato dal sistema limbico, che può ostacolare l’elaborazione logica e di ordine superiore della neocorteccia associata al sano funzionamento psicologico (Perry, 2009).

Tutti e sette i sintomi e gli effetti esposti sopra sono trattabili attraverso la terapia EMDR e altre terapie, come menzionato.

Con tutto questo in mente, quando vedete qualcuno che soffre, invece di chiedere “cosa c’è di sbagliato in questa persona?” una domanda più pertinente sarebbe “cosa è successo a questa persona?

5 miti sul Disturbo Ossessivo Compulsivo

LE BASI

Cos'è il disturbo ossessivo-compulsivo?
Trovare un terapeuta per curare l'OCD

Punti chiave

Ci sono molti miti e idee sbagliate sul disturbo ossessivo-compulsivo (OCD).
Il disturbo ossessivo compulsivo comporta pensieri intrusivi e angoscianti e abitudini ripetitive e ritualistiche che tentano di risolvere l'ansia associata a quei pensieri.
Alcune idee sbagliate sul disturbo ossessivo compulsivo sono, ad esempio, che il disturbo è sinonimo di perfezionismo. Generalmente tutti coloro che presentatno un quadro ODC sono estremamente ordinati e/o hanno paura di essere in qualche modo contaminati.

Ci sono pochi disturbi psicologici che sembrano essere così fraintesi come l’OCD, o Disturbo Ossessivo-Compulsivo. Per molte persone, si è fatto strada nel gergo quotidiano, spesso usato per descrivere semplici tendenze perfezionistiche o un tipo di personalità, per così dire, pignola. Il disturbo ossessivo compulsivo può essere debilitante per la persona che ne soffre.

Quindi, che cos’è l’OCD, in realtà? Riconosciuto dal Diagnostic and Statistical Manual of Mental Disorders, comporta una lotta con pensieri intrusivi e angoscianti – queste sono le ossessioni – e anche abitudini ripetitive e ritualistiche che tentano di risolvere l’ansia di quei pensieri. Questi modelli rituali di comportamento sono, a ppunto, le compulsioni. Questi cicli viziosi di pensieri e comportamenti causano disagio intenso e significativa interruzione della vita quotidiana. Per fortuna ci sono diverse opzioni di trattamento efficaci.

Per una maggiore chiarezza sulle grandi differenze tra il modo in cui la nostra cultura usa la parola “OCD” e ciò che il disturbo psicologico stesso è veramente, continuate a leggere.

Mito numero 1: OCD significa che sei un perfezionista.

No. Nel nostro lessico, “OCD” può sembrare sinonimo di “anale”, ma questa è una percezione errata che spesso non ha basi nella realtà. Le persone con OCD possono sentirsi fuori controllo, perse nel ciclo di ossessioni e compulsioni, e possono sentire come se la perfezione non si trovasse da nessuna parte. Non si tratta di volere le cose esattamente giuste. Si tratta di una lotta continua per calmare i pensieri pruriginosi che continuano a intromettersi.

Mito numero 2: OCD significa che sei estremamente ordinato o hai paura dei germi (contaminazione)

Anche no. Anche se alcuni individui con disturbo ossessivo-compulsivo possono avere ossessioni specifiche che coinvolgono le paure di contaminazione, e compulsioni che hanno a che fare con il lavaggio delle mani, molti non lo fanno. I pensieri ossessivi possono riguardare qualsiasi cosa di angosciante , e le paure di contaminazione – anche se in crescita dopo il COVID – sono solo un sottotipo. E molte persone che accumulano oggetti fino al punto di creare condizioni di vita non sicure, in realtà soffrono di una sintomatologia ossessivo-compulsiva. (Il Disturbo da Accaparramento è strettamente correlato).

Mito numero 3: OCD è solo un tipo di personalità.

Non lo è. Il Disturbo Ossessivo-Compulsivo è un vero e proprio disturbo psicologico che può causare immensi turbamenti e sfide, e persone di molte personalità diverse possono soffrirne. Contribuire alla confusione è che c’è anche un disturbo di personalità che porta il nome di Disturbo Ossessivo-Compulsivo di Personalità, ma queste persone potrebbero non avere affatto ossessioni o compulsioni, in taluni casi.

Mito numero 4: Le persone con OCD hanno solo bisogno di rilassarsi.

Di nuovo, no. Una persona con OCD sta sicuramente lottando con l’ansia, ma deriva dalla continua intrusione di cicli di pensiero ossessivi e sconvolgenti, e modelli di abitudini che sentono che possono prendere il controllo della loro vita. Le persone con OCD spesso si sentono come se il loro cervello fosse il loro peggior nemico. Dire a una persona con OCD di rilassarsi è utile quanto dire a una persona depressa di “essere semplicemente felice”.

Mito numero 5: OCD è solo il tuo modo di essere, e non puoi essere aiutato.

Per fortuna, questo è sbagliato come gli altri. Quando si tratta di Disturbo Ossessivo-Compulsivo, anche nei casi più gravi, ci sono molte ragioni per sperare. Particolari tipi di terapia come l’ERP (Exposure and Response Prevention) hanno mostrato livelli molto promettenti di efficacia, come anche le terapie psicodinamiche raggiungono buoni livelli di efficacia.

Call Now Button