fbpx

Di quanto sonno ho bisogno? 16 domande che possono dare una risposta

Dormire bene è un prerequisito per la realizzazione, per le buone relazioni e per una vita piacevole. Se non dormi abbastanza (da 7 a 9 ore a notte per la maggior parte degli adulti, forse un po’ meno se sei più vecchio), le tue risposte a queste domande potrebbero darti suggerimenti utili.

Non sei significativamente in sovrappeso? Il sovrappeso può portare a dormire male e persino all’apnea del sonno.

Hai un materasso comodo? Se si affloscia, può ridurre la quantità o la qualità del tuo sonno.

Fai esercizio fisico la sera presto, magari proprio prima di cena? Fare questo dovrebbe, dopo il temporaneo effetto energizzante dell’esercizio, stancarti, rendendoti più probabile un buon sonno.

Mangiate modestamente a cena e per niente entro due ore dall’ora di andare a letto? Mangiare aumenta la frequenza cardiaca e la pressione sanguigna, e quando stai cercando di dormire, vuoi fare il contrario: rallentare.

Assumi poca o nessuna caffeina dopo il tardo pomeriggio? Quando eri più giovane, potresti essere stato in grado di metabolizzare più rapidamente la caffeina, ma più tardi nella vita, meno.

Ti limiti a non più di otto once di liquidi entro un’ora prima di andare a letto? Se hai la vescica piena, dormirai meno profondamente ed è più probabile che ti svegli nel mezzo della notte.

La tua stanza è buia quando dormi? Se no, indossi una maschera per gli occhi?

Hai trovato una posizione che trovi più comoda: sul fianco destro, sinistro o sulla schiena, in posizione fetale o dritta?

Se non hai dormito bene, ti consola il fatto che il tuo corpo potrebbe riconoscerlo e quindi probabilmente domani dormirai meglio?

Se niente di tutto ciò funziona abbastanza bene, senti che il problema è psicologico? Per esempio, forse ti preoccupi spesso quando cerchi di dormire o scopri che le tue preoccupazioni ti svegliano nel mezzo della notte. Se è così, può essere utile tenere un diario del sonno, scrivendo i pensieri preoccupanti e cercando di elaborarli, magari prima di cercare di riaddormentarsi, o durante il giorno.

Forse stai catastrofizzando, o non c’è niente che tu possa fare per un problema e dovresti lavorare verso l’accettazione – o forse c’è qualcosa che puoi e vuoi fare per il problema. Se non riesci ad elaborare con successo le tue preoccupazioni da solo, potrebbe essere il momento di rivolgersi ad una specialista del settore.

Il ruolo dell’idealizzazione all’interno di una relazione

Julian Myles/Unsplash

Nell’amore stabile, le persone cercano un attaccamento affidabile. Nei desideri al di fuori dell’amore stabile, le persone cercano aspetti non graditi di se stessi, qualcosa che manca o che non può essere fornito autonomamente. Quando trovano quell’aspetto mancante in un altro, ne rimangono affascinati. Cercano di dare un senso e di interiorizzare quell’esperienza non abituale.

La ragione per cui l’amore romantico è così accattivante è che la percezione dell’altro è basata sulla convinzione che egli/ella sia raro e unico. Questa particolarità è accompagnata da un’idealizzazione e dalla fantasia che questa persona svolga il ruolo di un rifugio dai problemi quotidiani. Con il tempo, questa fantasia viene sostituita da una percezione più realistica.

Molte relazioni non sopravvivono dopo questa transizione perché troppo spesso il bisogno dell’altro finisce col confondersi con quell’aspetto “idealizzato” e “proiettato” su quella persona. L’indisponibilità a rinunciare all’immagine fantastica degli altri rende difficile vederli con precisione; potrebbe accadere che la persona continui a forzare il proprio partner nei ruoli idealizzati che hanno creato appositamente per loro.

Il tuo rapporto con te stesso rispetto ai tuoi partner

Dopo ripetute delusioni e disillusioni, si è tentati di ripiegarsi su se stessi per trovare rifugio dalle sfide che si presentano facendo affidamento e fidandosi degli altri. Alcuni rinnegano il loro bisogno di connessione determinando che nessun altro ha il potenziale per amare ed essere in sintonia con i loro bisogni come loro.

Il problema con questo approccio è che la percezione degli altri è contingente alla situazione attuale, alle lotte, ai bisogni e alle convinzioni personali. A sua volta, ciò che si impara sugli altri attraverso le proprie relazioni cambia molto su come ogni persona vede se stesso. Per esempio, l’accesso agli aspetti non filtrati o percepiti come inaccettabili del tuo partner costringe la persona ad esaminare quegli stessi aspetti in se stesso/a.

Nel processo reciproco di apprendimento di se stesso attraverso le sue interazioni con gli altri e viceversa, si può supporre che non conosciamo mai veramente gli altri interamente. Il processo è pieno di interpretazioni soggettive e pregiudizi provvisori da tutte le parti.

Inoltre, la dipendenza dagli altri può sentirsi così minacciosa che le persone creano un’illusione di prevedibilità e certezza di conoscere i loro partner in termini più stabili e ordinari. Riempiono le lacune degli aspetti sconosciuti dei loro partner perché ciò soddisfa i loro bisogni, il che, a sua volta, riduce la capacità di vederli con precisione.

Partner basati sulla fantasia vs partner basati sulla realtà

Il successo nelle relazioni dipende dalla capacità di vedere gli altri con realismo. Questa capacità dipende dalla volontà di abbandonare il bisogno di chi si vuole che sia e di andare avanti nella realtà con il partner che si ha.

È cruciale che apprezziate il vostro partner per quello che realmente è, in quanto operate come una squadra che compensa le debolezze dell’altro e capitalizza i punti di forza dell’altro – specialmente quando si tratta di curare i bambini e gestire una casa (Mitchell, 2003). L’idealizzazione vi permette solo di continuare a vivere in una fantasia, a scapito della vostra capacità di dare priorità e di gestire le situazioni reali in modo sensato.

E’ essenziale comprendere quale meccanismo vi sia dietro la ricerca dell’altro che idealizziamo. È più facile cedere il controllo a qualcuno che potresti non rivedere più, piuttosto che a qualcuno che ha un ruolo stabile nella tua vita. Perciò, potreste cercare partner misteriosi o non disponibili perché la loro irraggiungibilità impedisce la possibilità di perderli. Questo è un metodo garantito per evitare la perdita. È molto più minaccioso fantasticare sulla persona con cui si ha una relazione nella realtà.

Questi ruoli semplificano e appiattiscono la persona reale che state forzando in uno stereotipo. Creano anche risentimento e il desiderio di essere liberati da questi ruoli restrittivi (Liebers & Straub, 2020).

La razionalità non basta

Razionalità, logica e varie strategie cognitive possono essere utili in una varietà di situazioni della vita, ma non offrono molta chiarezza in termini di come affrontare gli aspetti più profondi della propria personalità.

Sfortunatamente, non possiamo pensarci fuori da situazioni incerte, complesse, ambigue, prive di significato o disorientanti che provocano angoscia psicologica. L’eccessiva razionalizzazione può farci perdere la capacità di interagire con il mistero o la curiosità, farci lottare con un senso di mancanza di scopo e farci rimanere bloccati in schemi controproducenti. Senza nemmeno rendersene conto, molte persone che si identificano come logiche possono prendere le distanze dagli altri o persino dalla propria natura incarnata.

C’è un vecchio detto nella tradizione della psicoterapia orientata alla profondità che afferma: se non puoi sentirlo, non puoi guarirlo. Questa semplice ma evocativa affermazione evidenzia come le emozioni siano una componente fondamentale della vita psicologica. Il tentativo di distaccarsi dai nostri sentimenti può causare disconnessione, frammentazione interna e persino “immobilizzazione.”

Per fortuna, c’è un’alternativa all’uso della razionalità per risolvere tutte le sfide della vita. Possiamo fare scelte attive per affrontare la nostra sofferenza con maggiore apertura e imparare ad avvicinarci a noi stessi in modo più autentico. In effetti, le psicoterapie orientate alla profondità, come quelle psicodinamiche, sottolineano come la nostra esperienza felt-sense delle cose sia essenziale per imparare a convivere, elaborare o integrare varie forme di sofferenza umana e/o esperienze traumatiche all’interno della propria storia di vita.

Gli approcci psicodinamici differiscono dagli approcci cognitivi

Nella psicologia del profondo, l’intenzione non è solo quella di portare maggiore consapevolezza ai pensieri di una persona, ma anche di coltivare l’intuizione intorno a sentimenti, sensazioni corporee, speranze, fantasie , sogni e persino esperienze simboliche, creative o transpersonali. All’interno di questo approccio terapeutico, le emozioni sono viste come parte integrante dell’esperienza umana e la trasformazione psicologica non è possibile senza sentimenti, ovvero senza il sentire. Dopotutto, molte persone intelligenti o logiche possono discutere delle loro difficoltà nella vita, eppure questa comprensione cognitiva non le aiuta a superare le loro sfide personali.

La verità è che le intuizioni emotive differiscono dalle intuizioni cognitive. Questo è il motivo per cui gli psicoterapeuti orientati alla psicodinamicamente spesso aiutano le persone a imparare come affrontare sentimenti travolgenti, minacciosi o persino contraddittori da un luogo di sicurezza e consapevolezza che è, appunto, quello della relazione terapeutica. Lo sviluppo della relazione mente-corpo è stato un tema crescente all’interno della letteratura psicoterapeutica orientata psicoanaliticamente, poiché è diventato chiaro che l’attenzione alla nostra esperienza del felt sense spesso risuona a un livello molto più profondo per facilitare un cambiamento positivo.

Cos’è esattamente la psicoterapia psicodinamica ?

La psicoterapia psicodinamica può essere definita in molti modi, ma questo approccio esplora fondamentalmente gli aspetti più profondi dei problemi di salute psicologica. Questa tradizione terapeutica sfida l’idea che abbiamo un’unica identità . Invece, il nostro senso di sé è considerato molto più dinamico, fluido, espansivo e complicato di quanto la maggior parte delle persone creda.

Riconosce come le difficoltà della vita possano essere radicate in parti di noi stessi di cui potremmo non essere consapevoli. Spesso l’intenzione è quella di stabilire una relazione con gli aspetti nascosti o inconsci del nostro senso di sé. Questo perché è nel profondo della nostra psiche che esistono le nostre più profonde ferite emotive, così come le più straordinarie opportunità di auto-espansione.

Le psicoterapie orientate in senso psicodinamico cercano di promuovere un senso di integrità dentro di noi. Questo approccio terapeutico è costituito da molte diverse tradizioni terapeutiche come le terapie psicodinamiche o orientate all’attaccamento ; ci sono anche molte sovrapposizioni con altre terapie relazionali o esperienziali come i sistemi familiari interni e le psicoterapie transpersonali.

È importante notare che le prospettive moderne in questa tradizione terapeutica non vedono le persone come individui isolati. Piuttosto, gli approcci contemporanei , orientati in tal senso, riconoscono che esistiamo in relazioni intime con diversi aspetti della nostra personalità , così come con altre persone, famiglie, comunità . La psicoterapia del profondo incoraggia le persone a connettersi più profondamente al loro mondo interno, poiché questo spesso supporta le persone nell’espandere il loro senso di consapevolezza verso il mondo esterno e le esperienze collettive dell’umanità.

In che modo la genitorialità emotivamente immatura influisce sulla vita da adulti

Molti persone crescono con genitori emotivamente immaturi, spesso senza esserne del tutto consapevoli.. Questo è un modello chiave che troviamo all’interno del cosiddetto trauma intergenerazionale che è condizionato e mantenuto da una generazione all’altra.

Ad esempio, un bambino può osservare che il genitore non riesce a mantenere la vicinanza emotiva con lui. Oppure, un genitore può cercare di essere amico del proprio figlio e può sembrare irresponsabile o preoccupato di soddisfare i propri bisogni, più che quelli del figlio.

Quando un genitore è emotivamente immaturo, è spesso “genitore” del proprio trauma di attaccamento , situazioni di abuso precoce o di rifiuto dei propri genitori. Molti genitori emotivamente immaturi non “evolvono” oltre i propri bisogni infantili, spesso perché essi stessi sono stati maltrattati o trascurati durante la loro infanzia .

In primo luogo, per capire come una genitorialità emotivamente immatura possa influenzare una persona più avanti nella sua vita adulta, dobbiamo riconoscere che il trauma irrisolto è ciò che si perpetua da una generazione (cioè i genitori) alla generazione successiva, come i propri figli. Quando il trauma non è stato risolto e guarito, la possibilità che si ripeta aumenta significativamente.

Ad esempio, l’abbandono emotivo è uno dei più forti predittori dello sviluppo di una disregolazione emotiva , che può causare una genitorialità emotivamente immatura lungo l’arco di vita. Pertanto, se un genitore è stato abusato o trascurato nella propria infanzia, ciò lo espone a un rischio maggiore di ripetere lo stesso trauma ai propri figli, se non guarito.

Spie di un genitore emotivamente immaturo

  • Ha confini incoerenti o inesistenti
  • Può provare a essere il genitore della “festa” o offuscare i confini tra amico e genitore
  • Ha uno stile genitoriale spesso basato sui propri bisogni insoddisfatti di amore o attenzione
  • Può ignorare o trascurare i bisogni del proprio figlio per i propri bisogni
  • Spesso “vive nel momento”, che può includere vivere al di là dei propri mezzi finanziari
  • Ha spesso problemi di salute mentale e/o diagnosi
  • Può essere sprezzante o evitante dei sentimenti del figlio
  • Può avere dipendenze da droghe o alcol o comportamenti compulsivi
  • Possono drammatizzare eccessivamente i loro bisogni o rivolgersi ad amici o familiari per “salvarli”.
  • Può reagire in modo eccessivo ai fattori di stress o diventare eccessivamente “bisognoso”
  • Può essere rigido o inflessibile con regole o confini, il che impedisce l’autonomia del bambino

4 tipi di genitori emotivamente immaturi e gli effetti sulla vita adulta

1. Guidati e controllanti: i genitori guidati e controllanti sono spesso indicati come genitori “da elicottero” che richiedono eccellenza e perfezione e impongono richieste elevate (spesso irrealistiche) a se stessi e ai loro figli. Questi genitori possono essere genitori con rabbia eccessiva o con un approccio punitivo. Sono altamente invadenti e critici e spesso violano lo spazio personale di un bambino .

Nell’età adulta: i bambini cresciuti con questo tipo di genitorialità spesso diventano perfezionisti , ottimisti e molto critici verso se stessi e possono lottare con comportamenti compulsivi come il maniaco del lavoro o lo shopping come modi per intorpidirsi e sentirsi degni. Nelle loro relazioni sentimentali , possono richiedere la perfezione nel loro partner o possono ridurre al minimo i problemi relazionali rimanendo eccessivamente occupati e intellettualizzando invece di permettersi di provare le proprie emozioni.

2. Emotivi (o non emotivi): i genitori emotivamente disregolati possono vacillare da un estremo all’altro in modo tale da apparire eccessivamente drammatici, reagire in modo eccessivo alle situazioni o apparire indifesi e “bisognosi”. All’altro capo dello spettro, i genitori emotivamente disregolati possono apparire distanti, cinici, sprezzanti o freddi nei confronti dei loro figli. Molte volte, i genitori con emozioni disregolate possono sperimentare il proprio trauma di attaccamento non guarito, che può includere la genitorialità da uno stile di attaccamento disorganizzato.

Nell’età adulta: i bambini cresciuti nel caos e in un ambiente imprevedibile possono diventare adulti molto ansiosi , depressi o emotivamente disregolati. Possono combattere i problemi di rabbia o possono sentirsi disconnessi dalle proprie emozioni , in particolare dalle emozioni sentite come minacciose . Ciò può avere un impatto negativo sulla maturità emotiva delle loro relazioni e aumenta il rischio di sviluppare legami traumatici con i partner.

3. Rifiutare: i genitori che rifiutano sono in genere sprezzanti ed evitanti. Potrebbero allontanarsi, potrebbero preferire trascorrere il loro tempo da soli o potrebbero non voler essere disturbati dalla genitorialità o dalle emozioni. I genitori che rifiutavano erano spesso bambini che erano stati rifiutati a loro volta e sono cresciuti “arrangiandosi da soli”. Se devono interagire con i loro figli, possono diventare esigenti o verbalmente offensivi.

Nell’età adulta: se un bambino è stato cresciuto con questo tipo di genitore emotivamente immaturo, può diventare un adulto che ha una empatia limitata per i bisogni degli altri, può oscillare tra il desiderio di connessione e l’allontanamento, può apparire egoista o egocentrico o può diventare un genitore che rifiuta emotivamente se stesso. Questo tipo di dinamica genitoriale può anche risuonare con una persona più sprezzante o attaccata in modo evitante, il che può rendere difficile sostenere l’intimità emotiva e la connessione con i partner romantici.

4. Negligenti o passivi: i genitori che sono emotivamente o fisicamente negligenti o passivi evitano il confronto e possono sembrare facili da andare d’accordo. Molti genitori negligenti o passivi mancano di confini sani e coerenti e possono sembrare il genitore “figo” o l’amico del bambino. La genitorialità è ridotta a ciò che vuole il genitore , con una minore considerazione di ciò di cui il figlio ha bisogno . I genitori emotivamente o fisicamente negligenti spesso si imbattono in altri adulti come bambini o incapaci di prendersi cura di se stessi in modo adulto. Possono minimizzare, invalidare o respingere i bisogni emotivi del figlio in quanto troppo opprimente per essere affrontati.

Nell’età adulta: essere cresciuto con un genitore che è emotivamente o fisicamente negligente può includere maggiori rischi di ansia, depressione o altre diagnosi di salute mentale, così come intensi sentimenti di rabbia e vergogna verso se stessi e sentimenti di disprezzo per i propri genitori. Gli adulti che sono cresciuti con genitori emotivamente negligenti possono avere difficoltà a esprimere emozioni legate alla propria vulnerabilità e possono diventare distaccati, freddi, distanti o “distratti” intorno ai propri partner per evitare di sentirsi vulnerabili.

Attaccamento insicuro nei figli dei narcisisti

Per gli esseri umani, una specie altamente sociale che dipende dal gruppo per la sopravvivenza, l’ attaccamento è tutto. Cos’è l’attaccamento? È la nostra capacità di legare con gli altri, che si basa su risorse condivise e vulnerabilità condivisa attraverso dimostrata empatia, cooperazione e integrità. In una parola, si tratta di fiducia, la capacità di fidarsi ed essere degni di fiducia.

Sano attaccamento

Gli esseri umani sviluppano la loro capacità di fiducia – e la sua forma più profonda, l’amore – principalmente attraverso le relazioni con i genitori/caregiver nei primi due o tre anni di vita. Queste relazioni diventano l’impronta che informa le nostre aspettative relazionali e il comportamento per tutta la nostra vita. Se riceviamo una maternità/ genitorialità “abbastanza buona” , in cui le nostre emozioni si rispecchiano in modo empatico e i nostri bisogni sono soddisfatti per la maggior parte del tempo, formiamo uno stile di attaccamento sicuro. L’attaccamento sicuro favorisce la fiducia in noi stessi e l’amor proprio, che ci permette di fidarci e amare gli altri, ed è la base per lo sviluppo di queste dimensioni chiave di una personalità sana :

  • regolazione emotiva
  • empatia
  • autostima
  • alfabetizzazione emotiva
  • auto-riflessione/consapevolezza
  • responsabilità personale
  • confini interpersonali
  • intimità con gli altri
  • Integrità morale

Se non sperimentiamo un ambiente empatico che risponde ai nostri bisogni di dipendenza durante l’ infanzia , l’attaccamento sano viene interrotto e ne derivano schemi di attaccamento insicuri.

Genitorialità narcisistica

Le personalità narcisistiche sono incapaci di fornire la sintonizzazione empatica di cui neonati e bambini hanno bisogno per formare schemi di attaccamento sicuri. Questo perché mancano dell’autoregolazione , della maturità emotiva e della capacità di connessione intima necessaria per formare legami di fiducia con chiunque. Anche se c’è un genitore amorevole nel sistema familiare, come partner del narcisista, è probabile che quel genitore abbia un modello di attaccamento insicuro ( legame traumatico ) che nega e consente l’abuso narcisistico e modella una relazione basata sulla paura con il narcisista.

Poiché i narcisisti oscillano internamente tra vergogna e superiorità compensativa (disprezzo di sé represso contro una persona idealizzata) e proiettano continuamente il proprio stato interiore sugli altri, trattano i loro figli come montagne russe di proiezioni idealizzanti e svalutanti. Possono vergognare e privare di potere i loro figli:

  • punindoli per l’espressione autentica (cioè, sentimenti naturali, bisogni, interessi, preferenze)
  • comportamenti condizionali gratificanti
  • secondo loro lode e privilegio immeritati

I genitori narcisisti creano spesso un ambiente familiare di sopravvivenza caratterizzato da rabbia, abbandono, iniquità, violazioni dei confini e abusi espliciti o passivo-aggressivi . Dinamiche come le seguenti sono spesso la norma nelle famiglie narcisistiche:

  • bullismo
  • colpa
  • concorrenza
  • umiliazione
  • ipercritica
  • manipolazione
  • invischiamento
  • proiezione
  • rifiuto
  • aspro confronto
  • capro espiatorio
  • triangolazione
  • campagne diffamatorie
  • genitorialità

Tipico anche dei genitori narcisisti è una campagna di propaganda in corso che nega gli abusi e promuove manie di eccezionalismo e/o vittimismo, deliri che sono spesso supportati da estranei ingannati dalle persuasive personalità pubbliche del genitore.

Attaccamento insicuro nei figli dei narcisisti

I bambini cresciuti in famiglie narcisistiche affrontano una terribile realtà. Dall’infanzia in poi, le persone su cui fanno affidamento per soddisfare i loro bisogni di dipendenza per protezione, educazione e modellazione violano regolarmente la loro fiducia. Non c’è uscita per i bambini in questa situazione. L’attaccamento è necessario per sopravvivere, ma ricevono solo un’ambivalenza inaffidabile e spaventosa.

Una mia paziente ha catturato questa situazione in modo toccante nella sua descrizione di quello che pensava fosse un incubo ricorrente, ma si è resa conto che era un ricordo precoce : “Sono nella mia culla. Mia madre è in piedi sulla soglia, una sagoma scura. La sento che mi guarda. Sento desiderio e paura, come se affogassi. Mi sento piccola, ed è buio e spaventoso, e voglio solo che venga a prendermi, ma non voglio che venga”.

I bambini che sperimentano un attaccamento pericoloso con gli adulti nella loro vita sono abitualmente in lotta/fuga, uno stato intensificato che, quando attivato cronicamente, ostacola un sano sviluppo. Poiché la loro dipendenza impedisce loro di combattere o fuggire dai loro aggressori, molti bambini in questo ambiente si dissoceranno dai loro sentimenti naturali di rabbia e paura, negheranno l’abuso e incolperanno se stessi per i problemi nella relazione familiare.

La dissociazione, la negazione e il senso di colpa vissuti come vergogna sono difese necessarie nei bambini che sono emotivamente trascurati o maltrattati dalle persone a cui devono rivolgersi per prendersi cura . Come meccanismi di sopravvivenza hanno senso, ma hanno un costo.

Narcisismo vs. auto-abnegazione

I bambini con trauma da attaccamento lottano con la vergogna sottostante, un sistema nervoso iperattivato , confusione di confine e autostima e sviluppo dell’identità non sufficientemente supportati .

Alcuni possono identificarsi con il genitore narcisista e crescere fino a diventare loro stessi relazionalmente abusivi. I bambini che formano una personalità narcisistica possono chiudere il loro sé emotivo all’inizio del loro sviluppo e armarsi di vulnerabilità-evitamento, antagonismo relazionale, vergogna e rabbia esternalizzate (proiettate) e delusioni grandiose e/o vittime. Il loro meccanismo narcisistico è una risposta primitiva, nel senso che si basa pesantemente sulle difese infantili della negazione e della proiezione, sacrifica aspetti profondi dello sviluppo psico-emotivo e morale e ha un impatto traumatizzante su coloro che li circondano, sia individui che gruppi sociali.

I bambini con attaccamento insicuro che sviluppano empatia, al contrario, adottano in genere modelli di abnegazione di sé, sacrificando i propri interessi a favore di quelli degli altri. Questi bambini lottano con il self-agency interrotto, i confini insicuri, la rabbia interiorizzata (autodiretta) e la vulnerabilità al bullismo e ai legami traumatici nelle loro relazioni sociali, lavorative e intime. In breve, sono vulnerabili all’abuso narcisistico e al negare e consentire l’abuso narcisistico degli altri.

Entrambe le risposte ai traumi infantili sono compensazioni adattive per sostenere la sopravvivenza che devono essere superate per raggiungere l’equilibrio, la salute e la guarigione nell’età adulta. Il primo sostiene il sé a spese degli altri; il secondo sostiene gli altri a spese del sé. È importante notare che questi due tipi di personalità esistono su un continuum complesso che può combinare aspetti del narcisismo e dell’abnegazione di sé, così come altri modelli di coping.

Prognosi di recupero

Poiché le personalità narcisistiche in genere mancano di connessione empatica con se stesse o con gli altri e funzionano reprimendo la consapevolezza di sé e proiettando aspetti negativi del sé sugli altri, raramente sono in grado di tollerare il lavoro autoriflessivo emotivamente vulnerabile necessario per costruire fiducia e compassione.

Le personalità auto-abneganti, d’altra parte, hanno più potenziale per guarire schemi di attaccamento insicuri perché hanno accesso al sé interiore vulnerabile, vogliono intimità con gli altri e hanno la capacità di tollerare l’autoriflessione e assumersi responsabilità personali. Il loro percorso verso la guarigione e l’integrità dipende dalla volontà di rilasciare la negazione, disimpegnarsi dagli abusi (legami traumatici) e apprendere confini relazionali sicuri e autodifesa.

Più modi per ridurre la paura della morte

Pubblicato nel numero di agosto di Motivation and Emotion , un recente studio di Horner e colleghi suggerisce che “l’autonomia autodichiarata predice l’estensione della fede nell’immortalità simbolica”. Nota: l’ autonomia si riferisce alla capacità di esprimere il proprio sé autentico e di sperimentare il proprio comportamento come auto-iniziato e liberamente scelto. L’immortalità simbolica si riferisce all’idea che dopo la morte, qualche estensione simbolica del sé sopravviverà o sarà ricordata, ad esempio attraverso la propria famiglia o risultati socialmente riconosciuti.

Indagare sull’autonomia e sull’immortalità simbolica

Studio 1

Campione: 1.185 (836 femmine); età media di 19 anni (range da 18 a 50 anni); prevalentemente caucasica.

Metodi: Sondaggio online

Misure (elementi di esempio tra parentesi):

  • Autostima (ho un’alta autostima.)
  • Significato nella vita (Capisco il significato della mia vita.)
  • Autonomia (le mie decisioni rappresentano i miei valori e sentimenti più importanti.)
  • Immortalità simbolica (Dopo la mia morte, il mio impatto sul mondo continuerà.)

Studio 2

Campione: 117 (84 femmine); età media di 20 anni (range da 18 a 50 anni); prevalentemente caucasica.

Metodi: Studio online

I partecipanti sono stati assegnati in modo casuale a leggere uno dei due estratti presumibilmente da interviste con uomini più anziani. In realtà, i brani sono stati costruiti in modo simile, tranne per il fatto che il bersaglio nella condizione sperimentale (rispetto al controllo) ha riferito di vivere in modo più autonomo. Ad esempio, un estratto recitava:

Non mi sono mai sentito obbligato a fare molte cose, invece le ho fatte perché sentivo di volerlo fare, ho lavorato molto per il successo per cose a cui tenevo davvero… Penso solo che guardando indietro mi sento come se avessi molta scelta e controllo su quello che ho fatto.

Un secondo estratto recitava:

Mi sono sentito spinto a fare molte cose, ho fatto cose perché sentivo di doverlo fare, solo molto lavoro per il successo per cose di cui non mi importava davvero… Mi sento come se non avessi molta scelta o controllo su cosa L’ho fatto.

Quindi, il primo intervistato avrebbe vissuto una vita più autonoma rispetto al secondo.

Dopo aver letto i brani, ai partecipanti è stato chiesto di riassumere ciò che avevano letto con parole loro.

Sono state inoltre misurate le seguenti variabili:

  • L’immortalità simbolica percepita del bersaglio (quanto pensi che il suo impatto sul mondo continuerà dopo la sua morte?)
  • La soddisfazione della vita dell’obiettivo (se l’uomo potesse vivere la sua vita, non cambierebbe quasi nulla.)

Studio 3

Campione: 175 (103 femmine); età media di 34 anni (range da 18 a 76 anni); prevalentemente caucasica.

Metodi: come nell’indagine precedente, tranne per il fatto che l’articolo ora si riferiva a un intervistato neutrale rispetto al genere piuttosto che di sesso maschile, e sono state incluse anche le misure del rimpianto percepito e dell’autostima.

Come prima, sono state valutate l’autonomia percepita, l’immortalità simbolica e la soddisfazione di vita.

L’autonomia è positivamente correlata all’immortalità simbolica

L’analisi dei dati ha indicato che i sentimenti di scelta personale e di autodeterminazione difendono dalle ansie legate alla morte e riducono la necessità di raggiungere l’immortalità simbolica.

Nello specifico, l’analisi dei dati ha evidenziato:

  • L’autonomia autodichiarata può prevedere “la misura della fede nell’immortalità simbolica, che media la relazione tra autonomia e significato nella vita”.
  • Una persona che ha condotto una vita più autonoma è percepita come dotata di una maggiore immortalità simbolica.
  • L’autonomia sembra “contribuire all’immortalità simbolica in modi separati dall’autostima”.
  • Gli effetti della “lettura di una vita autonoma e della percezione della soddisfazione dell’individuo target per la vita” potrebbero essere mediati dalla “percezione dell’immortalità simbolica”.

Quindi, maggiori percezioni dell’immortalità simbolica possono in parte spiegare la correlazione tra autonomia e benessere.

In breve, quando le persone sentono di poter dirigere la propria vita, trovano più facile proteggersi dall’ansia di morte e quindi si sentono più capaci di svolgere attività che le aiutino a crescere ea vivere un maggiore benessere.

Perché l’autonomia è associata all’immortalità simbolica?

La teoria dell’autodeterminazione suggerisce che le persone hanno un desiderio naturale di crescere e sviluppare le proprie capacità, che è facilitato dalla soddisfazione dei bisogni psicologici di base (cioè di competenza, relazione, autonomia).

Allo stesso tempo, la crescita e l’affermazione della propria individualità provocano ansia e possono minacciare il proprio senso di significato. Come mai? Perché la crescita implica l’esplorazione di ambienti sconosciuti, l’esposizione a nuove informazioni e l’affrontare e superare nuove sfide.

Infatti, il processo di affermazione della propria individualità accresce anche la consapevolezza della vulnerabilità personale e dell’eventualità della propria morte.

Pertanto, l’autonomia, fornendo una base sicura e riducendo l’ansia esistenziale, promuove l’esplorazione di nuove esperienze e facilita la crescita personale.

In che modo le immagini a sfondo sessuale possono influenzare chi le guarda?

Oggi la pornografia è ovunque. Chiunque abbia accesso a internet può visionare tutto ciò che desidera mentre fino agli anni 80 per visionare delle immagini pornografiche ci si doveva recare in un cinema per adulti o procurarsi una copia di Playboy. Ma in che modo questa accessibilità così facile della pornografia ci influenza?

In una serie di ricerche, sono stati studiati gli effetti dell’esposizione a immagini sessuali su come le persone si sentono e su cosa desiderano fare. Le persone sono state invitate in laboratorio ed esposte a segnali sessuali subliminali (cioè elaborate al di fuori della consapevolezza) o sopraliminali (elaborate consapevolmente). I primi tre esperimenti hanno dimostrato che l’esposizione a segnali sessuali subliminali ha portato le persone a sentirsi più felici. In uno studio, è stato chiesto alle persone di segnalare il loro stato d’animo dopo l’esposizione. In un secondo studio invece, è stato utilizzato un compito cognitivo: si doveva indicare il più velocemente possibile se una stringa di lettere fosse una parola corretta e verificare essere l’esposizione a stimoli sessuali riduce il tempo impiegato dalle persone per identificare le parole correlate all’umore positivo. In un terzo studio, si è verificato se l’essere esposti a immagini sessuali prima di valutare dei simboli privi di significato rendesse questi simboli più piacevoli a queste persone. Nel quarto studio, è stato dimostrato che le emozioni positive risultanti dall’esposizione a segnali sessuali subliminali aumentavano la motivazione a continuare a svolgere un compito neutro. In altre parole, un compito che altrimenti sarebbe stato noioso o fastidioso è stato percepito come divertente dopo il “priming” sessuale subliminale. Nell’ultimo studio, è stato dimostrato che l’esposizione a immagini sessuali non aumentava semplicemente la motivazione a fare tutto e qualsiasi cosa quanto piuttosto aumentava la motivazione a impegnarsi in modo specifico nel sesso.

Prima di correre trarre conclusioni immediate si provi a pensare a questo: sebbene tutti noi abbiamo familiarità con l’idea che il sesso sia piacevole e che le persone siano motivate a fare sesso, pochissime ricerche in realtà si occupano di queste idee. Senza queste ricerche, le idee non sono altro che intuizioni o opinione. Inoltre è bene ricordare che i soggetti che hanno partecipato agli studi erano persone che non sapevano di cosa trattasse l’esperimento né che venissero essere esposte a immagini sessuali. Questo permette di dare un’occhiata, diciamo così, a quello che è appena al di sotto della loro consapevolezza e agli effetti delle stimolazioni sessuali rendendo trascurabile l’influenza di fattori come stigma, tabù, ecc.

In un’altra serie di studi, alcune persone sono state esposte in modo subliminale o sopraliminalmente, a parole e immagini erotiche, confrontandole poi con l’esposizione a parole e immagini di controllo. Si sono osservati specificamente gli effetti del priming sessuale sugli aspetti relazionali, cioè sulla tendenza ad avviare e mantenere relazioni strette. Ancora una volta, si sono valutate le tendenze utilizzando vari compiti cognitivi e comportamentali, nonché misure di auto-report. È stato scoperto che l’esposizione subliminale (ma non supraliminale) ai priming sessuali aumentava (a) la volontà di auto-rivelarsi, o di dire di più sulle proprie paure, sogni e altre vulnerabilità, (b) accessibilità dei pensieri legati all’intimità, (c) disponibilità al sacrificio per il proprio partner, e (d) preferenza per l’utilizzo di strategie positive di risoluzione dei conflitti. Le prime due scoperte supportano l’idea che quando le persone sono esposte a immagini sessuali, queste hanno maggiori probabilità di iniziare o di essere aperte nei confronti di nuovi legami relazionali o sessuali. Le ultime due invece supportano l’idea che le immagini sessuali aiutino a mantenere le relazioni in essere. I quattro studi dimostrano che l’esposizione a immagini sessuali (almeno in modo subliminale) può effettivamente aiutare a formare ed anche a mantenere relazioni. Non sappiamo ancora quale obiettivo (avviare o mantenere una relazione) sia prioritario. Ciò suggerisce che l’esposizione a segnali sessuali potrebbe potenzialmente portare a infedeltà ma potrebbe anche prevenire l’infedeltà aumentando la tendenza a mantenere la propria relazione.

La linea di fondo qui è che gli effetti dell’esposizione a immagini sessuali sono più complicati di quanto la gente tenda a credere. Le persone possono usare immagini sessuali o pornografiche per aiutare le loro relazioni, aumentare l’eccitazione e trovare nuovi modi per rendere più stimolante la loro vita sessuale. È importante sottolineare che anche il modo in cui i segnali vengono elaborati, consciamente o inconsciamente, è importante. Restano dunque ancora molti aspetti da studiare a fondo.

Tradotto e adattato dall’originale: “How do sexual images affect you and your relationships”

Call Now Button