fbpx

Anoressia nervosa negli adulti: caratteristiche cliniche, decorso della malattia, valutazione e diagnosi

L’anoressia nervosa è caratterizzata da un peso corporeo anormalmente basso, intensa paura di aumentare di peso e percezione distorta del peso corporeo e della forma. Il disturbo è stato riconosciuto per centinaia di anni in diverse culture . Tuttavia, il termine “anoressia” è un termine improprio perché i pazienti spesso mantengono l’appetito .
Questo argomento esamina le caratteristiche cliniche, la psicopatologia e la comorbidità, il decorso della malattia, la valutazione, la diagnosi e la diagnosi differenziale dell’anoressia nervosa. L’epidemiologia, le potenziali complicanze mediche, la valutazione per rilevare complicazioni mediche e il trattamento dell’anoressia nervosa sono discussi separatamente, così come la sindrome da rialimentazione come complicanza del trattamento.

CARATTERISTICHE CLINICHE

Caratteristiche principali — Le caratteristiche cliniche essenziali dell’anoressia nervosa sono :

●Restrizione persistente dell’assunzione di energia che porta a un peso corporeo anormalmente basso

●Paura intensa di ingrassare o ingrassare, o comportamento persistente che impedisce l’aumento di peso

●Percezione distorta e/o importanza del peso corporeo e della forma

Caratteristiche associate — L’anoressia nervosa è associata ad altri segni e sintomi psicologici e comportamentali, tra cui:

●Incessante ricerca della magrezza

●Preoccupazione ossessiva per il cibo (p. es., raccogliere ricette o accumulare cibo)

●Paura di certi cibi

●Repertorio ristretto di cibi

●Preferenza per cibi a basso contenuto calorico (bassa densità energetica)

●Sovrastima del numero di calorie consumate

●Uso eccessivo di condimenti e/o prodotti zuccherati artificialmente

●Rituali legati al cibo (p. es., tagliare il cibo in piccoli pezzi o rifiutarsi di mescolare diversi tipi o colori di cibo nel piatto)

●Preoccupazioni per mangiare in pubblico

●Ritiro sociale

●Rituali legati all’esercizio (p. es., camminare o correre per una determinata distanza ogni giorno; nuotare per un determinato numero di vasche in una piscina)

●Irrequietezza o iperattività

●Conoscenza limitata o negazione delle caratteristiche cliniche principali

●Resistenza al trattamento e aumento di peso

●Espressione inibita e disregolazione delle emozioni

●Sentimenti di inefficacia

●Dormire male

●Bassa libido

●Disforia (p. es., umore depresso o ansioso)

●Pensiero inflessibile

●Perfezionismo

●Necessità di controllare il proprio ambiente

●Rigidità comportamentale (p. es., acquisto di cibo solo in determinati negozi o da determinati venditori, incapacità di adattarsi a cambiamenti di programma o ambiente)

COMORBIDITÀ

Disturbi mentali — La comorbidità psichiatrica è comune tra i pazienti con anoressia nervosa . Tuttavia, molti disturbi concomitanti sono secondari al disturbo alimentare e si risolvono con il ripristino del peso . Ciò è particolarmente vero per la comorbidità della depressione maggiore, che è frequente ma raramente accompagnata da malinconia o quadri psicotici. Pertanto, il trattamento dovrebbe inizialmente concentrarsi sull’anoressia nervosa . Dopo la remissione, il paziente deve essere rivalutato per eventuali comorbidità che richiedono un trattamento. Un grave disturbo da uso di sostanze è l’unica eccezione, a cui dovrebbe essere data la priorità per gestire i fenomeni di astinenza .

Sebbene il tasso specifico di comorbidità differisca tra le indagini epidemiologiche e gli studi in ambito clinico, vi è accordo generale sul fatto che i pazienti con anoressia nervosa spesso soffrano di:

●Disturbi d’ansia

●Disturbo ossessivo compulsivo

●Disturbo di dismorfismo corporeo

●Disturbo post traumatico da stress

●Disturbi depressivi

●Disturbi da uso di sostanze

●Disturbi dirompenti, del controllo degli impulsi e della condotta

I pazienti con anoressia nervosa possono anche avere tratti di comorbidità che non sono abbastanza gravi da soddisfare i criteri per un disturbo di personalità, ma che tuttavia causano angoscia e compromettono il funzionamento :

●Perfezionismo: perseguire standard irrealisticamente elevati nonostante il verificarsi di conseguenze negative

●Compulsività: insistere su ordine, simmetria, esattezza e controllo

●Narcisismo: brama di ammirazione e convalida esterna da parte degli altri; eccessiva preoccupazione per l’aspetto fisico

La vergogna di essere obesi



LA VERGOGNA

La sensazione di avere un corpo che non “ci appartiene” è, per molti, occasione e spinta verso la richiesta di un aiuto psicologico.

Le persone tendono, talvolta, a sottostimare il carico emotivo che deriva da una situazione di fallimento e di vergogna. Pensano, ad esempio, che il problema di un corpo grasso o informe non sia, di per sé, fonte di disagio e di malessere. Al contempo, il più delle volte, negano a se stessi il ripetuto ricorrere a ingenti quantità di cibo.

La vergogna è un tema pregnante che impedisce alle persone di esprimere se stesse all’interno della società contemporanea. Il termine grasso viene spesso associato a sollecitazioni negative che non contemplano la possibilità di essere apprezzati e desiderati sul piano fisico.

Si pensa, infatti, che la maggior parte delle persone cosiddette “overeating” non si rendano minimamente conto della sovrabbondanza di cibo ingurgitato nell’arco di un tempo relativamente breve.

Scrive un paziente: “Mi sentivo bene psicologicamente tutte le volte che avevo a mio disposizione grosse quantità di cibo, dal salato, al dolce, allora potevo permettermi di dedicarmi a quell’attività così piacevole…funzionava come antidepressivo, mi sentivo bene, in pace con me stesso…”

AFFRONTARE LA VERGOGNA

Primo passo, rispetto alla consulenza psicologica (e magari psicoterapica in un secondo momento), è quello di affrontare con consapevolezza il proprio senso di vergogna. Essere, quindi, egodistonici rispetto al proprio disagio, attraverso una serie di semplici passaggi:

a. porsi alcuni interrogativi in merito alla percezione del proprio corpo nel tempo e nello spazio a 360 gradi

b. imparare a descrivere se stessi in termini di come si è in quel dato momento, nonché in termini di ideale dell’Io

c. cercare di analizzare a fondo il gap esistente tra un piano di realtà propriamente detto ed un piano di idealizzazione degli altri, rispetto a sé

d. confrontarsi con una immagine di sé che evidentemente, fino a quel momento, ci ha rimandato solo sensazioni spiacevoli

Ilaria Bellavia, Psicologa Psicoterapeuta Psicodinamica

Mindful Eating

Un rimedio efficace ad una alimentazione INCONTROLLATA?

Lo studioso Kabat Zinn ci ha edotti rispetto al fatto che poter controllare la respirazione nei vari momenti della giornata, in relazione ai nostri stati emotivi, apporta un senso di benessere e di equilibrio interiore che, altrimenti, faremmo fatica a mantenere.

In effetti, all’interno della popolazione italiana (tra coloro che risultano essere dei mangiatori compulsivi) si rintracciano aspetti legati ad un senso di VUOTO interiore, ad una marcata solitudine, ad un senso di VERGOGNA nel rapportarci agli altri.

E allora il cibo diventa un fenomeno di compensazione, un riempitivo da non sottovalutare. Ci si alimenta, non tanto per una ricerca di gusto e di corretta alimentazione, ma piuttosto per un processo di disillusione di fronte ai drammi dell’esistenza, o come difesa rispetto al continuo senso di infelicità che le persone provano quotidianamente.

Nel testo Mindful Eating, della collega Montesarchio si affronta tutto questo. La respirazione consapevole, afferma la collega, ci aiuta a ridurre al massimo tutte quelle sensazioni di disagio che trovano solitamente soluzioni e rimedi frettolosi e inefficaci come il ricorrere ad una alimentazione incontrollata.

Ma, naturalmente, la Psicoterapia in sé raccoglie tutta una serie di tecniche e di procedure utili a rinforzare un senso di sé più organizzato, una maggiore autostima, un abbassamento del livello di ansia e di depressione. Vero è che i dati scientifici in nostro possesso ci dicono che la respirazione/meditazione controllata rende efficaci tutta una serie di altre procedure di intervento che vanno nella direzione di innalzare il senso di benessere dell’individuo.

______________________________________________________________________________

Call Now Button