fbpx
+39 3491643371 info@ilariabellavia.it
Quali depressioni? L’efficacia dell’approccio psicodinamico nella cura dei disturbi dell’umore

Quali depressioni? L’efficacia dell’approccio psicodinamico nella cura dei disturbi dell’umore

Nel panorama odierno, parlare di depressione sembra essere diventato quasi un cliché. Con la crescente consapevolezza della salute mentale, sempre più persone si ritrovano a confrontarsi con questa realtà spesso misconosciuta e stigmatizzata. Tuttavia, nonostante la diffusione del termine, è importante sottolineare che non tutte le depressioni sono uguali e che esistono approcci terapeutici diversi per trattarle.

Tra i vari approcci psicoterapeutici, l’approccio psicodinamico si distingue per la sua profonda comprensione dei processi mentali inconsci e delle dinamiche interne che influenzano il benessere psicologico di un individuo. Contrariamente alla visione riduzionista che tende a medicalizzare la depressione, l’approccio psicodinamico si concentra sulla comprensione delle radici psicologiche dei sintomi depressivi.

Una delle caratteristiche distintive dell’approccio psicodinamico è il suo focus sull’analisi delle relazioni interpersonali e dei modelli comportamentali che possono avere origine nell’infanzia o nell’adolescenza. Questo approccio considera la depressione come una manifestazione di conflitti interiori irrisolti o di esperienze traumatiche non elaborate, piuttosto che semplicemente come un disequilibrio chimico nel cervello.

Le sedute di psicoterapia psicodinamica offrono uno spazio sicuro in cui il paziente può esplorare liberamente i propri pensieri, emozioni e ricordi. Attraverso il processo di esplorazione e interpretazione condotto dal terapeuta, il paziente può acquisire una maggiore consapevolezza di sé e delle dinamiche che alimentano la sua depressione. Questa consapevolezza è fondamentale per avviare un processo di cambiamento e di guarigione profonda.

Inoltre, l’approccio psicodinamico non si limita a trattare i sintomi superficiali della depressione, ma cerca di comprendere il significato più profondo di tali sintomi all’interno della vita psichica del paziente. Ciò significa che la terapia psicodinamica mira non solo a eliminare i sintomi, ma anche a promuovere una trasformazione più profonda e duratura della persona nel suo complesso.

Un altro aspetto cruciale dell’approccio psicodinamico è il rapporto terapeutico. Il legame che si instaura tra terapeuta e paziente è considerato un elemento terapeutico essenziale, in quanto offre al paziente un’esperienza di accettazione incondizionata, comprensione empatica e sostegno emotivo. Questo rapporto terapeutico solidifica la fiducia del paziente nel processo terapeutico e lo aiuta a superare le resistenze interne che potrebbero ostacolare il suo progresso.

Infine, l’approccio psicodinamico riconosce l’importanza della consapevolezza delle dinamiche familiari e sociali nel processo di guarigione. Spesso, i problemi familiari o i modelli relazionali disfunzionali possono contribuire allo sviluppo e al mantenimento della depressione. Pertanto, includere la famiglia o il contesto sociale del paziente nel processo terapeutico può essere estremamente benefico per promuovere un cambiamento positivo.

In conclusione, mentre la depressione continua a essere una sfida diffusa nella società moderna, è importante considerare l’approccio psicodinamico come un’opzione terapeutica efficace e valida. Attraverso la sua profonda comprensione dei processi mentali inconsci, delle relazioni interpersonali e dei modelli comportamentali, l’approccio psicodinamico offre un percorso unico verso la guarigione e il benessere psicologico duraturo.

Comprendere il Disturbo d’Ansia Generalizzato: Un Approccio Psicodinamico

Comprendere il Disturbo d’Ansia Generalizzato: Un Approccio Psicodinamico

Il disturbo d’ansia generalizzata (DAG) è una condizione che porta a una preoccupazione cronica e eccessiva su una vasta gamma di eventi o situazioni nella vita quotidiana. Questa condizione può avere un impatto significativo sulla qualità della vita di un individuo, influenzando le loro relazioni, il lavoro e il benessere generale. Mentre ci sono molte prospettive sulla comprensione e sul trattamento del DAG, l’approccio psicodinamico offre una lente unica attraverso cui esaminare questa condizione.

Secondo l’approccio psicodinamico, il DAG può derivare da conflitti interni inconsci che si manifestano attraverso l’ansia. Questi conflitti possono avere le loro radici nell’infanzia o in esperienze passate che hanno lasciato un’impronta significativa sulla psiche dell’individuo. Ad esempio, un bambino che ha vissuto un ambiente familiare instabile o ha sperimentato traumi potrebbe sviluppare meccanismi di difesa che si manifestano come ansia nell’età adulta.

Uno degli elementi chiave dell’approccio psicodinamico nel trattamento del DAG è l’analisi approfondita dei processi inconsci che guidano il comportamento e le emozioni di una persona. Attraverso la terapia psicodinamica, l’individuo è incoraggiato a esplorare i propri pensieri, sentimenti e esperienze passate per comprendere meglio le radici profonde della loro ansia.

Durante il processo terapeutico, possono emergere dinamiche relazionali complesse che contribuiscono al mantenimento del DAG. Ad esempio, un individuo potrebbe ripetere schemi relazionali dannosi che hanno origine nelle relazioni primarie, come quella con i genitori. Questi schemi possono alimentare l’ansia e mantenere il ciclo di preoccupazione e apprensione.

Inoltre, l’approccio psicodinamico si concentra sull’importanza della relazione terapeutica stessa. Il terapeuta fornisce un ambiente sicuro e non giudicante in cui l’individuo può esplorare liberamente i propri pensieri e sentimenti. Attraverso questa relazione terapeutica, l’individuo ha l’opportunità di sperimentare nuovi modi di relazionarsi agli altri e di integrare nuove prospettive sulla propria esperienza.

Nel trattamento del DAG, l’approccio psicodinamico mira a favorire un processo di consapevolezza e comprensione che permette all’individuo di affrontare in modo efficace le radici profonde della propria ansia. Attraverso la terapia, l’individuo può imparare a riconoscere e gestire i propri stati emotivi, riducendo così l’impatto debilitante del DAG sulla loro vita quotidiana.

In conclusione, l’approccio psicodinamico offre una prospettiva ricca e approfondita per comprendere e trattare il disturbo d’ansia generalizzata. Attraverso l’esplorazione dei processi inconsci e delle dinamiche relazionali, la terapia psicodinamica può fornire un percorso significativo verso il recupero e il benessere emotivo per coloro che affrontano questa sfida.

Esplorando i disturbi sessuali maschili: un’analisi psicoanalitica

Esplorando i disturbi sessuali maschili: un’analisi psicoanalitica

Introduzione:

Nel vasto panorama della sessualità umana, i disturbi sessuali maschili rappresentano un argomento complesso e delicato. Approcciare questa tematica attraverso una lente psicoanalitica può offrire una prospettiva profonda e illuminante, consentendo una comprensione più approfondita delle radici psicologiche di tali disturbi. In questo articolo, esploreremo i disturbi sessuali maschili dal punto di vista della psicoanalisi, cercando di gettare luce su aspetti nascosti e spesso trascurati.

La Psicoanalisi e la Sessualità Maschile:

La psicoanalisi, sviluppata da Sigmund Freud, si focalizza sull’indagine delle dinamiche inconsce e dei processi mentali che influenzano il comportamento umano. Applicando questo approccio alla sessualità maschile, possiamo esplorare come le esperienze infantili, i conflitti interiori e i meccanismi di difesa possano contribuire ai disturbi sessuali.

  1. Comprensione dell’Infanzia e degli Eventi Precoci: La psicoanalisi suggerisce che le esperienze dell’infanzia possono avere un impatto duraturo sulla sessualità adulta. Eventi traumatici o conflitti irrisolti durante la fase di sviluppo possono emergere sotto forma di disturbi sessuali. Esaminare attentamente questi aspetti può fornire chiavi importanti per la comprensione e la gestione di tali disturbi.
  2. Ruolo degli Impulsi Inconsci: La sessualità maschile, come sottolineato da Freud, è modellata da impulsi inconsci e desideri repressi. Attraverso il lavoro psicoanalitico, si può esplorare la natura di questi impulsi e come influenzino il comportamento sessuale. Rendere consapevoli tali elementi può essere il primo passo verso la risoluzione dei disturbi.
  3. Meccanismi di Difesa e Disturbi Sessuali: I meccanismi di difesa psicologica, come la negazione o la proiezione, possono giocare un ruolo significativo nei disturbi sessuali maschili. La psicoanalisi si concentra sull’identificazione di questi meccanismi e sulla loro comprensione per affrontare le barriere psicologiche che ostacolano una sessualità sana.

Approcci Terapeutici:

  1. Psicoanalisi Individuale: Le sedute di psicoanalisi individuale offrono uno spazio sicuro per esplorare le esperienze passate, le dinamiche familiari e i conflitti interiori che potrebbero contribuire ai disturbi sessuali. Questo approccio mira a portare alla consapevolezza e alla comprensione per promuovere cambiamenti positivi.
  2. Terapia di Coppia: Coinvolgere entrambi i partner in una terapia psicoanalitica può favorire la comunicazione aperta e la comprensione reciproca. L’analisi della dinamica di coppia può essere fondamentale per affrontare le sfide sessuali e promuovere una connessione più profonda.

Conclusioni:

Incorporare l’approccio psicoanalitico nella comprensione e nella gestione dei disturbi sessuali maschili può fornire una visione unica e completa. La consapevolezza delle influenze psicologiche può essere fondamentale per il processo di guarigione, consentendo agli individui di superare i conflitti interiori e di sviluppare una sessualità soddisfacente. La psicoanalisi, con il suo focus sulle radici profonde del comportamento, offre un contributo prezioso nel percorso verso una vita sessuale appagante e equilibrata.

Di cosa parlare in terapia

Di cosa parlare in terapia

Dopo aver completato i compiti spesso ardui di ricercare terapisti nelle vicinanze, organizzare consultazioni e scegliere una professionista che sembra adatta, le persone che iniziano la terapia per la prima volta potrebbero improvvisamente trovarsi alle prese con una domanda inaspettata: aspetta, di cosa dovrei parlare? Di? Avere una sessione di 50 minuti da riempire e nessun programma prestabilito con cui riempirla può sembrare opprimente, soprattutto per coloro che non hanno mai fatto terapia prima e non sono sicuri di cosa aspettarsi.

Fortunatamente, decidere di cosa parlare in terapia è spesso meno complicato di quanto le persone possano immaginare, e lungo il percorso possono aspettarsi un aiuto dal proprio terapeuta. Ecco cosa sapere.

Di cosa dovrei parlare in terapia?

La risposta più semplice e forse più ovvia è che i clienti dovrebbero parlare di ciò che vogliono, o di qualunque sia il problema che li porta in primo luogo alla terapia. I punti di partenza più comuni includono tensioni o conflitti nelle relazioni, traumi passati , difficoltà sul lavoro o recenti cambiamenti di umore. I clienti possono anche venire in terapia per discutere di obiettivi a lungo termine , di imminenti cambiamenti di vita o di sentimenti complessi come scarsa autostima , vergogna , senso di colpa o dolore .

Ma mentre la libertà di parlare di qualsiasi cosa può sembrare liberatoria per alcuni clienti, altri possono trovarla intimidatoria o confusa. Qualcuno che lotta con una grave ansia , ad esempio, potrebbe credere che esprimere ad alta voce le proprie preoccupazioni sarebbe impossibile. Poiché una caratteristica dell’ansia è l’evitamento, di fronte alla prospettiva di aprirsi a un’altra persona, “qualcuno che è già ansioso potrebbe iniziare a pensare in realtà, non voglio parlare di niente di tutto questo.

Altri clienti potrebbero voler disperatamente parlare di ciò che li preoccupa, ma scoprono di non essere sicuri da dove cominciare. Qualcuno che si sente depresso senza alcuna causa riconoscibile, ad esempio, può sentirsi perplesso quando un terapeuta chiede: “Allora cosa ti porta in terapia?” Ciò è forse particolarmente vero per i clienti che si presentano come di successo e ben funzionanti; senza un ovvio colpevole da indicare, come sfide di carriera o una relazione difficile, identificare un argomento specifico che merita di essere esplorato può sembrare scoraggiante.

Domande da contemplare

Cosa possono fare i clienti per superare questo ostacolo e iniziare a parlare? Come primo passo, può essere utile prendersi del tempo prima di una sessione per elaborare un piano di gioco e idealmente identificare una o anche due aree concrete da affrontare. Porre alcune domande generali come “Perché ho deciso di cercare una terapia adesso?” o “In quali punti della mia vita mi sento come se fossi bloccato?” può aiutare in questo processo.

Le risposte possono concentrarsi su risultati, come “Faccio fatica a rispettare le scadenze sul lavoro”, o su processi interni, come “Mi sento molto vuoto e triste”. Alcuni pazienti potrebbero trovare utili le metafore, “Recentemente ho avuto un paziente che ha detto di non sentirsi depresso o ansioso, ma solo che qualcosa non andava, come se non ci fosse sale nel suo cibo. Abbiamo semplicemente esplorato quella sensazione.

Se l’autoesplorazione non è particolarmente fruttuosa, elaborare un elenco di domande da porre al terapeuta può anche aiutare i clienti, soprattutto quelli alle prime armi, a sentire di avere qualcosa di cui parlare. “Considerare la prima sessione di terapia come un colloquio con il terapeuta può aiutare a sedare alcune paure” e può spostare parte dell’attenzione dal cliente al processo stesso. Domande utili includono quali modalità utilizza il terapeuta, come è tipicamente il suo processo e cosa si aspetta dal cliente, sia dentro che fuori la stanza della terapia .

Perché il mio terapeuta è silenzioso?

Non è quasi mai necessario che un cliente si presenti con abbastanza materiale pre-programmato per riempire l’intera sessione. Questo perché nella maggior parte dei casi il terapeuta farà domande, indicherà modelli nel pensiero o nel comportamento del cliente o guiderà in altro modo la conversazione.

D’altra parte, ci sono terapeuti che utilizzano un approccio più tradizionale, psicoanalitico , che incoraggia il cliente alla libera associazione e in genere comporta meno input da parte del terapeuta. Mentre alcuni clienti trovano un immenso valore in questo approccio meno strutturato – magari scoprendo che la loro libera associazione li porta a esplorare argomenti inaspettati o a imbattersi in intuizioni sorprendenti – altri potrebbero trovare la relativa mancanza di input del loro terapeuta confusa o angosciante, soprattutto se si sentono insicuri.

Di cosa, se c’è qualcosa, dovresti evitare di discutere?

È normale, inoltre, che i clienti si chiedano se debbano nascondere certe cose, o perché sono preoccupati che il terapeuta lo dica a qualcun altro o perché temono di essere giudicati.

Nella stragrande maggioranza dei casi, la prima preoccupazione non si realizzerà mai. I terapeuti sono eticamente e legalmente tenuti a tutelare la riservatezza dei propri clienti , tranne in casi molto rari: quando il cliente rappresenta un pericolo imminente per sé o per gli altri; quando il terapeuta ritiene che un bambino, una persona anziana o un adulto non autosufficiente stia subendo abusi; o quando sono legalmente obbligati a farlo per ordine del tribunale. Altrimenti, la stragrande maggioranza delle interazioni terapeutiche non uscirà mai dalla privacy dello studio del terapeuta. I clienti interessati sono invitati a chiedere al proprio medico i dettagli della riservatezza per tranquillizzarsi.

Ma una terapia efficace richiede un po’ di disagio, il che significa che quasi ogni paziente sarà chiamato a condividere qualcosa che istintivamente preferirebbe non condividere. Idealmente i pazienti non si sentiranno mai giudicati dal loro terapeuta in questi momenti; se lo fanno, potrebbe semplicemente significare che non è una buona partita.

Eppure i terapeuti sono umani, e non è sempre possibile per loro rimanere totalmente neutrali se un cliente dice loro qualcosa di sconvolgente. Ma reagire non è giudicare . In effetti, alcuni terapisti possono anche scegliere di discutere la propria reazione con il cliente, oppure il cliente può scegliere di chiederlo al clinico. “Questo tipo di conversazione può essere produttiva per il processo terapeutico quando è ben gestita”,

Anche se un argomento particolare sembra innominabile all’inizio della terapia, potrebbe non rimanere tale per sempre. I clienti spesso pensano: non voglio che nessuno lo sappia perché mi vergognerei moltissimo. “Ma col tempo, con la guida del terapeuta, è probabile che arrivino a riconoscere l’immenso potere della vulnerabilità.

Eiaculazione precoce primaria

Eiaculazione precoce primaria

L’eiaculazione precoce primaria, una condizione che affligge gli individui sin dall’inizio della loro attività sessuale, si configura non solo come una sfida terapeutica complessa, ma anche come un ostacolo significativo nella vita sessuale di coloro che ne sono affetti.

Un suggestivo studio del 2018 ha gettato luce sull’ipotesi di una causa neurobiologica rilevante alla radice di questo disturbo. Il lavoro condotto da Xia JD, Chen J, Yang BB, e altri, pubblicato sull’Asian Journal of Andrology, ha evidenziato differenze nell’attività del sistema nervoso simpatico e nei livelli di recettori NMDA (N-metil-D-aspartico) all’interno del nucleo paraventricolare dell’ipotalamo nei ratti con comportamenti eiaculatori differenti.

L’eiaculazione precoce primaria, considerata una disfunzione sessuale con fondamenti neurobiologici, si rivela come una tematica pervasiva e complessa. I dati finora raccolti indicano che l’eiaculazione è principalmente mediata da un centro di controllo spinale, il quale è influenzato dai segnali inibitori ed eccitatori provenienti dalle regioni superiori del tronco encefalico, dell’ipotalamo e dell’area preottica.

Il gruppo di ricerca ha rivelato recentemente un collegamento fondamentale tra i recettori NMDA nel nucleo paraventricolare dell’ipotalamo (PVN) e l’eiaculazione, suggerendo che tali recettori facilitano il processo potenziando l’attività del sistema nervoso simpatico (SNS). In un modello sperimentale con ratti maschi, è emerso che la sensibilità del SNS variava in base al comportamento eiaculatorio, correlando con i livelli di recettori NMDA nel PVN. Questa correlazione supporta l’idea che le differenze nei livelli di recettori NMDA nel PVN contribuiscano ai cambiamenti nella latenza eiaculatoria durante l’attività sessuale.

L’identificazione di tre gruppi distinti (eiaculatori lenti, normali e rapidi) sulla base della densità dei recettori NMDA nel PVN ha ulteriormente consolidato l’ipotesi dell’eiaculazione primaria come un disturbo neurobiologico. Questa scoperta apre prospettive interessanti per interventi farmacologici mirati, offrendo nuove vie per affrontare questa sfida nella vita sessuale di chi ne è affetto.

La cura dell’eiaculazione precoce attraverso la psicoterapia psicodinamica si basa sull’analisi approfondita dei processi mentali inconsci e dei modelli relazionali che possono contribuire al problema. La psicoterapia psicodinamica mira a esplorare e comprendere i fattori psicologici sottostanti che possono influenzare l’eiaculazione precoce primaria. Ecco alcuni aspetti chiave della cura attraverso questa prospettiva:

Esplorazione delle Radici Psicologiche:
La psicoterapia psicodinamica cerca di identificare e comprendere le radici psicologiche profonde che possono contribuire all’eiaculazione precoce. Questo potrebbe coinvolgere la riflessione su esperienze passate, dinamiche familiari, traumi sessuali o conflitti inconsci che possono influenzare la sfera sessuale.

Consapevolezza dei Processi Inconsci:
La terapia psicodinamica si concentra sulla consapevolezza e sull’indagine dei processi mentali inconsci che potrebbero influenzare il comportamento sessuale. L’individuo è guidato a esplorare pensieri, desideri o paure che potrebbero emergere durante l’atto sessuale.

Riflessione sui Modelli Relazionali:
I modelli relazionali formati nelle relazioni passate possono avere un impatto significativo sulla sfera sessuale. La terapia mira a esplorare i modelli di attaccamento, le dinamiche relazionali e le influenze interpersonali che potrebbero contribuire all’eiaculazione precoce.

Sensibilizzazione e Regolazione Emotiva:
La terapia psicodinamica può concentrarsi sulla sensibilizzazione alle emozioni legate alla sessualità e sull’apprendimento di modalità di regolazione emotiva più efficaci. Ciò può contribuire a ridurre l’ansia da prestazione e migliorare la gestione dello stress.

Costruzione di una Relazione Terapeutica:
Lo sviluppo di una relazione di fiducia e apertura con il terapeuta è cruciale. Questo ambiente sicuro favorisce l’esplorazione profonda dei problemi sessuali e facilita il lavoro su eventuali blocchi psicologici.

Integrazione con Altre Approcci:
In alcuni casi, la psicoterapia psicodinamica può essere integrata con interventi farmacologici, a seconda delle necessità specifiche del paziente.
È importante sottolineare che l’efficacia della psicoterapia psicodinamica può variare da individuo a individuo. La consulenza di un professionista della salute mentale è essenziale per valutare le specifiche dinamiche psicologiche e sviluppare un piano terapeutico personalizzato.

Dipendenze tra i Giovani Adulti: Una Prospettiva Psicoanalitica

Dipendenze tra i Giovani Adulti: Una Prospettiva Psicoanalitica

Introduzione

Le dipendenze tra i giovani adulti rappresentano una sfida sempre più pressante nella società contemporanea. Siano esse legate alle sostanze, alla tecnologia, al cibo, al gioco d’azzardo o a comportamenti sessuali rischiosi, le dipendenze possono avere un impatto significativo sulla vita dei giovani adulti e sul loro benessere psicologico. In questo articolo, esploreremo il fenomeno delle dipendenze tra i giovani adulti da una prospettiva psicoanalitica, cercando di comprendere le radici psicologiche di tali comportamenti e le modalità di trattamento.

Le Radici Psicologiche delle Dipendenze

La psicoanalisi offre uno sguardo approfondito sulle radici psicologiche delle dipendenze nei giovani adulti. Secondo la teoria psicoanalitica, le dipendenze spesso sorgono da conflitti interiori non risolti e meccanismi di difesa inconsci. Alcuni fattori chiave includono:

Trauma e Ferite Emotive: Eventi traumatici o ferite emotive non affrontate nell’infanzia possono portare a una ricerca di consolazione o evasione attraverso le dipendenze. La sostanza o il comportamento dipendente può diventare un mezzo per alleviare il dolore interiore.
Compensazione: I giovani adulti possono sviluppare dipendenze come meccanismo di compensazione per sentimenti di inadeguatezza o mancanza di autostima. La dipendenza può offrire momenti di gratificazione e auto-affermazione temporanea.
Coping Inefficace: Alcuni individui usano le dipendenze per gestire lo stress, l’ansia o la depressione. Tuttavia, questo può rivelarsi inefficace nel lungo termine, poiché le dipendenze spesso peggiorano tali problemi.
Modelli Familiari: L’ambiente familiare in cui un giovane adulto cresce può influenzare le sue tendenze alla dipendenza. Se i genitori o altri membri della famiglia hanno problemi di dipendenza, l’individuo potrebbe essere più suscettibile a sviluppare comportamenti simili.

Trattamento Psicoanalitico delle Dipendenze

La psicoanalisi offre un approccio terapeutico completo per trattare le dipendenze tra i giovani adulti. Questi sono alcuni degli elementi chiave del trattamento psicoanalitico:

Esplorazione delle Radici: La terapia psicoanalitica mira a esplorare le radici psicologiche delle dipendenze. Attraverso la parola, il paziente può iniziare a comprendere meglio i motivi profondi dei propri comportamenti.
Riconoscimento dei Meccanismi di Difesa: Il terapeuta aiuta il paziente a identificare i meccanismi di difesa che potrebbero essere utilizzati per evitare l’affronto dei conflitti interiori. Questo processo consente al paziente di diventare consapevole delle strategie che usa per evitare il dolore emotivo.
Lavoro sull’Autostima: La psicoanalisi può contribuire a migliorare l’autostima e l’immagine di sé del paziente, aiutandolo a sviluppare una maggiore fiducia nelle proprie risorse e capacità.
Gestione dell’Emotività: La terapia psicoanalitica insegna al paziente a gestire le emozioni in modo più sano e a trovare alternative ai comportamenti dipendenti per affrontare lo stress e l’ansia.
Sostegno nel Processo di Cambiamento: Il terapeuta fornisce sostegno continuo durante il processo di cambiamento, aiutando il paziente a superare le ricadute e a mantenere un progresso costante.

Conclusione

Le dipendenze tra i giovani adulti sono una sfida complessa, ma la psicoanalisi offre un quadro teorico e terapeutico che può aiutare a comprendere e affrontare questi problemi. Esplorando le radici psicologiche delle dipendenze e lavorando sulle questioni sottostanti, i giovani adulti possono intraprendere un percorso di guarigione e recupero. Il supporto terapeutico e l’auto-riflessione possono essere strumenti potenti nel superare le dipendenze e condurre una vita più sana e significativa.

Call Now Button