fbpx

Pubblicato nel numero di agosto di Motivation and Emotion , un recente studio di Horner e colleghi suggerisce che “l’autonomia autodichiarata predice l’estensione della fede nell’immortalità simbolica”. Nota: l’ autonomia si riferisce alla capacità di esprimere il proprio sé autentico e di sperimentare il proprio comportamento come auto-iniziato e liberamente scelto. L’immortalità simbolica si riferisce all’idea che dopo la morte, qualche estensione simbolica del sé sopravviverà o sarà ricordata, ad esempio attraverso la propria famiglia o risultati socialmente riconosciuti.

Indagare sull’autonomia e sull’immortalità simbolica

Studio 1

Campione: 1.185 (836 femmine); età media di 19 anni (range da 18 a 50 anni); prevalentemente caucasica.

Metodi: Sondaggio online

Misure (elementi di esempio tra parentesi):

  • Autostima (ho un’alta autostima.)
  • Significato nella vita (Capisco il significato della mia vita.)
  • Autonomia (le mie decisioni rappresentano i miei valori e sentimenti più importanti.)
  • Immortalità simbolica (Dopo la mia morte, il mio impatto sul mondo continuerà.)

Studio 2

Campione: 117 (84 femmine); età media di 20 anni (range da 18 a 50 anni); prevalentemente caucasica.

Metodi: Studio online

I partecipanti sono stati assegnati in modo casuale a leggere uno dei due estratti presumibilmente da interviste con uomini più anziani. In realtà, i brani sono stati costruiti in modo simile, tranne per il fatto che il bersaglio nella condizione sperimentale (rispetto al controllo) ha riferito di vivere in modo più autonomo. Ad esempio, un estratto recitava:

Non mi sono mai sentito obbligato a fare molte cose, invece le ho fatte perché sentivo di volerlo fare, ho lavorato molto per il successo per cose a cui tenevo davvero… Penso solo che guardando indietro mi sento come se avessi molta scelta e controllo su quello che ho fatto.

Un secondo estratto recitava:

Mi sono sentito spinto a fare molte cose, ho fatto cose perché sentivo di doverlo fare, solo molto lavoro per il successo per cose di cui non mi importava davvero… Mi sento come se non avessi molta scelta o controllo su cosa L’ho fatto.

Quindi, il primo intervistato avrebbe vissuto una vita più autonoma rispetto al secondo.

Dopo aver letto i brani, ai partecipanti è stato chiesto di riassumere ciò che avevano letto con parole loro.

Sono state inoltre misurate le seguenti variabili:

  • L’immortalità simbolica percepita del bersaglio (quanto pensi che il suo impatto sul mondo continuerà dopo la sua morte?)
  • La soddisfazione della vita dell’obiettivo (se l’uomo potesse vivere la sua vita, non cambierebbe quasi nulla.)

Studio 3

Campione: 175 (103 femmine); età media di 34 anni (range da 18 a 76 anni); prevalentemente caucasica.

Metodi: come nell’indagine precedente, tranne per il fatto che l’articolo ora si riferiva a un intervistato neutrale rispetto al genere piuttosto che di sesso maschile, e sono state incluse anche le misure del rimpianto percepito e dell’autostima.

Come prima, sono state valutate l’autonomia percepita, l’immortalità simbolica e la soddisfazione di vita.

L’autonomia è positivamente correlata all’immortalità simbolica

L’analisi dei dati ha indicato che i sentimenti di scelta personale e di autodeterminazione difendono dalle ansie legate alla morte e riducono la necessità di raggiungere l’immortalità simbolica.

Nello specifico, l’analisi dei dati ha evidenziato:

  • L’autonomia autodichiarata può prevedere “la misura della fede nell’immortalità simbolica, che media la relazione tra autonomia e significato nella vita”.
  • Una persona che ha condotto una vita più autonoma è percepita come dotata di una maggiore immortalità simbolica.
  • L’autonomia sembra “contribuire all’immortalità simbolica in modi separati dall’autostima”.
  • Gli effetti della “lettura di una vita autonoma e della percezione della soddisfazione dell’individuo target per la vita” potrebbero essere mediati dalla “percezione dell’immortalità simbolica”.

Quindi, maggiori percezioni dell’immortalità simbolica possono in parte spiegare la correlazione tra autonomia e benessere.

In breve, quando le persone sentono di poter dirigere la propria vita, trovano più facile proteggersi dall’ansia di morte e quindi si sentono più capaci di svolgere attività che le aiutino a crescere ea vivere un maggiore benessere.

Perché l’autonomia è associata all’immortalità simbolica?

La teoria dell’autodeterminazione suggerisce che le persone hanno un desiderio naturale di crescere e sviluppare le proprie capacità, che è facilitato dalla soddisfazione dei bisogni psicologici di base (cioè di competenza, relazione, autonomia).

Allo stesso tempo, la crescita e l’affermazione della propria individualità provocano ansia e possono minacciare il proprio senso di significato. Come mai? Perché la crescita implica l’esplorazione di ambienti sconosciuti, l’esposizione a nuove informazioni e l’affrontare e superare nuove sfide.

Infatti, il processo di affermazione della propria individualità accresce anche la consapevolezza della vulnerabilità personale e dell’eventualità della propria morte.

Pertanto, l’autonomia, fornendo una base sicura e riducendo l’ansia esistenziale, promuove l’esplorazione di nuove esperienze e facilita la crescita personale.

Sharing
Call Now Button