Sharing


Le personalità borderline sono particolarmente vulnerabili alla vergogna.

Il disturbo borderline di personalità è una condizione che spesso include problemi nelle relazioni interpersonali, umore instabile e autolesionismo.
Esperienze di vergogna sconvolgenti sono spesso esperite dalle persone con personalità borderline, che portano avanti le convinzioni negative e distorcono il comportamento.
In risposta alla vergogna, le persone con personalità borderline possono nascondere il dolore emotivo, incolpare gli altri e sfogarsi senza motivo.

Nella nostra attuale cultura mediatica, l’identità regna. Le identità di gruppo (razziali, sessuali, di genere, politiche) tendono ad avere tutta l’attenzione, ma per noi psicologi, la versione di “te” che guarda fuori verso il mondo, e dentro se stessi, sta effettivamente cambiando di momento in momento.

Il nostro senso di identità personale cambia in risposta a qualsiasi numero di fattori, specialmente ai nostri stati emotivi. Immaginate, per esempio, che un guidatore vi abbia appena tagliato la strada mentre state guidando. Sbandando il vostro veicolo, proverete un senso di opportuna rabbia. Per fortuna, la rabbia è un’emozione con una breve emivita; questo “io guerriero vendicatore” probabilmente si dissiperà entro le prossime ore.

La vergogna è diversa. Nessun’altra emozione impatta così letteralmente e direttamente sul nostro senso globale di chi siamo. Quando sperimentiamo la vergogna ci sentiamo piccoli, sminuiti, inadeguati e cattivi. Nella vergogna acuta, l’accesso alla considerazione positiva, o anche un senso coerente di esistere o meritare di esistere, può momentaneamente abbandonarci.

Mentre tutti noi lottiamo con la vergogna di tanto in tanto, la ricerca indica che le persone con disturbo borderline di personalità sperimentano livelli significativamente maggiori di vergogna (ma, curiosamente, meno senso di colpa) rispetto alle altre persone.

Personalità borderline e vergogna

Il disturbo borderline di personalità inizia nell’adolescenza o nella prima età adulta. È caratterizzato da problemi con le relazioni interpersonali (sono intensi, alternanza tra idealizzazione e svalutazione), l’umore (depressione e soprattutto inappropriata, rabbia intensa), e l’immagine instabile di sé. Le stime attuali della prevalenza del disturbo borderline di personalità nella popolazione generale vanno fino al 5,9%, e studi recenti sugli studenti universitari suggeriscono che fino al 17% lotta con tratti borderline significativi. Il disturbo borderline di personalità è associato a disabilità psichiatrica, abuso di sostanze, disturbi alimentari e problemi medici.

Le persone con personalità borderline sono soggette a frequenti inneschi di esperienze di vergogna inquietanti. Questi episodi possono essere di lunga durata, distorcendo gravemente le percezioni e il comportamento. Le esperienze di vergogna in periodi cruciali durante l’infanzia e l’adolescenza contribuiscono a cementare l’accumulo di una rete di credenze negative su se stessi, sulle altre persone da cui dipendono e sulla certezza virtuale del maltrattamento. Per tutta la vita, la persona borderline continua inconsciamente a cercare e trovare (e involontariamente a provocare) la conferma di un doloroso senso interiorizzato di fondamentale inadeguatezza, cattiveria e vittimizzazione. Qualsiasi incontro casuale, delusione, ricordo, pensiero o fantasia può riattivare questo processo. Il borderline si sente, spesso, “tagliato fuori” da situazioni o da altre persone numerose volte al giorno.

Di particolare preoccupazione per i clinici che li trattano, i pazienti borderline sono inclini a minacce, gesti e tentativi di suicidio, così come a comportamenti automutilanti come il tagliarsi (cutting). Sono difficili da gestire. Da un lato, spesso si sentono disperati e, tenteranno misure disperate per ottenere, l’attenzione e la cura di cui si sentono cronicamente privati. Ma allo stesso tempo, sono iperallarmati dalla disapprovazione immaginata o dall’abbandono da parte di questi stessi caregiver.

Un tema di instabilità pervade la vita del borderline. Quando si tratta un paziente borderline, può sembrare di avere a che fare con diverse persone diverse. Da un momento all’altro, i cambiamenti nel senso dell’identità e nel comportamento sono improvvisi e drammatici. All’inizio di una seduta, potreste essere seduti con qualcuno che sembra calmo e perspicace, fino a trovare, poco dopo, lo stesso paziente inspiegabilmente polemico, arrabbiato e lamentoso .

Call Now Button