Tumisu, Pixabay, Public Domain


Possibili soluzioni quando un partner si sente trattato ingiustamente

Ogni relazione ha una certa misura di asimmetria. Ad esempio, un partner è

più gentile: più propenso a cercare il bene in te e a non esercitare una retribuzione eccessiva in risposta ai tuoi errori.
più parsimonioso: attento a spendere in modo conveniente e spendere solo raramente.
più responsabile: dare la priorità a ciò che è importante.
manutenzione ridotta: giudiziosa nel decidere quando far scivolare un fastidio e quando vale la pena lamentarsi e / o chiedere supporto o aiuto.
resistente alla dipendenza: non incline all'eccesso.
più etico: nella maggior parte delle circostanze, fare la cosa giusta, anche a suo discapito.

Approcci

Cosa potresti fare quando un’asimmetria ti turba ma non vuoi uscire dalla relazione? Ecco alcune opzioni.

Ignorare. Ad esempio, supponiamo che il tuo partner sia più rilassato di te e quindi non riesca a fare quanto vorresti. Potresti decidere che è improbabile che questa persona cambi in modo significativo, quindi decidi di accettare quell’asimmetria come una delle responsabilità della relazione. Ogni relazione li ha.

Analizza il nesso di causalità. Prima di saltare alle soluzioni, a volte è saggio cercare la causa del problema. Ad esempio, supponiamo che il tuo partner convivente sia disordinato. Potrebbe valere la pena chiedere al tuo partner qualcosa del tipo: “Perché pensi di essere più a tuo agio con la casa meno ordinata di me?” La risposta potrebbe variare da “L’apparenza non è così importante” a “I miei genitori sono squilibrati e hanno cercato di trasformarmi in uno…..”. La risposta del tuo partner potrebbe migliorare la tua comprensione del problema o incoraggiarlo sottilmente a decidere di cambiare.

Proponi uno scambio. Per fare l’esempio precedente, “So che entrambi vogliamo che il rapporto migliori, quindi forse ognuno di noi potrebbe fare un piccolo passo: vorresti essere più pulito in casa e vorrei che tu fossi meno “spendaccione”. Allora, cosa ne pensi del nostro tentativo di mettere in atto un piccolo esperimento: per il giorno successivo, cercherò di stare attento quanto vorresti che fossi nel mantenere la casa pulita e darai un’occhiata alla nostra carta di credito conto per vedere se c’è un modo per tagliare la spesa…”

Cambiamento della domanda. A volte, le persone sono motivate da un messaggio chiaro e diretto, anche accompagnato da una minaccia. Ad esempio, “Sto attraversando un periodo davvero difficile a causa del tuo abuso di sostanze. Ho cercato di essere di supporto, anche occasionalmente mi sono unito a te, ma questo non mi sta servendo e credo profondamente che non ti stia servendo. Hai provato a ridurre ma non ha funzionato; stai usando più che mai queste sostanze. Non ce la faccio più. O ti fermi adesso o, anche se ti amo, devo andarmene. “

A volte, “il fai da te” non è di grosso supporto ed è per questo che conviene affidarsi ad un professionista preparato.

Call Now Button