Sharing
more
photoagent/Shutterstock

Tutti sono colpevoli di dimenticare il nome di qualcuno che hanno incontrato prima, anche se le persone sono generalmente abbastanza brave a ricordare i volti, e soprattutto quelli di amici e familiari a colpo d’occhio. Per alcune persone, riconoscere i volti è un’impossibilità a causa del disturbo neurologico noto come prosopagnosia (chiamato anche cecità facciale). Per loro, le persone care possono apparire come estranei.

Cos'è la prosopagnosia?
Diagnosticare e affrontare la prosopagnosia

Cos’è la prosopagnosia?

Le persone affette da prosopagnosia non riescono a riconoscere i volti familiari e spesso non sono in grado di distinguere i volti degli estranei. Possono anche avere problemi a riconoscere luoghi o oggetti familiari o a riconoscere la differenza tra il volto di una persona e un altro oggetto. Alcune persone con prosopagnosia hanno persino difficoltà a riconoscere se stesse. I ricercatori stimano che 1 persona su 50 può avere qualche forma di prosopagnosia.

Quali sono le cause della prosopagnosia?

La prosopagnosia dello sviluppo appare durante l’infanzia e può avere radici genetiche o sorgere come risultato di un’anomalia o di un danno cerebrale prenatale o infantile. La prosopagnosia acquisita può verificarsi in uomini e donne più anziani dopo una lesione cerebrale, un ictus o l’inizio di una malattia degenerativa. Diagnosticare accuratamente la prosopagnosia si rivela spesso difficile, perché il riconoscimento dei volti coinvolge processi complessi nel cervello.
Quali sono i sintomi della prosopagnosia?

Quando si tratta di prosopagnosia, la “cecità dei volti” è un po’ un termine improprio. Qualcuno con questa condizione potrebbe guardare direttamente il volto di una persona, ma non essere in grado di vedere l’intero viso. Potrebbe essere in grado di mettere a fuoco e identificare solo singole caratteristiche. Una volta che il volto è fuori dal loro campo visivo, non sono in grado di recuperare alcun ricordo di esso. Oltre alla cecità del volto, le persone affette da prosopagnosia possono avere difficoltà a riconoscere i segnali facciali e a ricordare i luoghi.

Quanto è comune la prosopagnosia?
Qual è la connessione tra autismo e prosopagnosia?
Diagnosticare e affrontare la prosopagnosia

Attualmente non esiste una cura per la prosopagnosia. Il trattamento si concentra sullo sviluppo di abilità compensatorie per riconoscere gli individui, compresi amici, membri della famiglia e conoscenti, come ad esempio la cura di spunti come caratteristiche fisiche uniche o la voce. Per esempio, un insegnante può identificare uno studente dal suo posto in classe o dallo zaino che indossa ogni giorno. Coloro che lottano con la cecità del volto possono trarre ispirazione da persone notevoli che hanno affrontato con successo la condizione, tra cui Oliver Sacks e Chuck Close.

Quale parte del cervello è danneggiata nella prosopagnosia?

Un’area del cervello chiamata giro fusiforme è responsabile del riconoscimento dei volti umani in modo più dettagliato rispetto agli oggetti inanimati altrettanto complessi. Si pensa anche che sia collegata alla memoria. Una teoria afferma che la prosopagnosia si verifica quando il giro fusiforme è deformato o danneggiato in qualche modo.
Come viene diagnosticata la prosopagnosia?

I medici usano una serie di test per diagnosticare la prosopagnosia. Nel test delle facce famose, l’intervistato deve identificare correttamente i volti di persone famose. Nel Benton Facial Recognition Test (BFRT), chi lo esegue deve abbinare una faccia bersaglio a una delle sei diverse opzioni. Nel Cambridge Face Memory Test (CFMT), lo studente viene presentato a sei facce target; poi viene sottoposto a una serie di tre facce, di cui una familiare, che deve identificare correttamente.

Call Now Button