fbpx

Lo stigma sui disturbi psicologici può rendere la vita ancora più difficile a coloro che hanno una condizione diagnosticata. In alcune culture, è particolarmente difficile affrontare le conseguenze sociali del bisogno di aiuto psicologico. Di conseguenza, le persone con questi disturbi hanno un peso aggiuntivo nella loro vita quotidiana oltre ai sintomi stessi.

L’intera questione della diagnosi dei disturbi psicologici è essa stessa irta di difficoltà. Quando le persone ricevono una diagnosi, spesso ricevono un’etichetta che le identifica con il disturbo. Sei uno “schizofrenico”, non una persona con il disturbo schizofrenico. Immagina una situazione simile per una malattia fisica. Qualcuno ti chiamerebbe un “influenzatore”?

Secondo Sara Masland del Pomona College e Kaylee Null del McLean Hospital, questo stigma è particolarmente grave nel caso del disturbo borderline di personali (BPD). Definito come una condizione cronica che coinvolge instabilità emotiva, problemi di relazione e disturbi dell’identità , il BPD comporta un’alta probabilità di necessità di trattamento. Piuttosto che evocare compassione per le persone le cui vite sono così gravemente colpite dal disturbo, “in pratica è diventato uno stigma letterale”.

In che modo il BPD è diventato così stigmatizzato?

Fornendo un po’ di storia alle origini del termine, Masland e Null sottolineano che il termine stesso “borderline” si è evoluto dal suo significato iniziale di disturbo al “confine” tra psicosi e nevrosi (termini non più in uso). Anche nei suoi primi giorni, i teorici hanno descritto la BPD “con un linguaggio duro, tra cui ” aggressività costituzionale “, ” personali infantile ” e “pseudo- nevrosi “. molto bisognoso dell’aiuto che questi professionisti antipatici avrebbero potuto fornire. Tali caratterizzazioni negative, notano gli autori, continuano ancora oggi poiché i medici continuano a fornire tali etichette peggiorative alle persone con BPD come “manipolative”, “ricerca di attenzione ” e “pericoloso”.

Devi solo ripensare al personaggio di Glenn Close, Alex, nel film Attrazione fatale come ritratto di questa condizione apparentemente spaventosa. Allo stesso tempo, il ritratto di Susanna Kaysen da parte di Winona Ryder in “Girl, Interrupted” ha mostrato anche l’approccio punitivo che un individuo con questo disturbo può aspettarsi di ricevere in un ospedale psichiatrico . Da un lato, Alex ha raffigurato il lato “spaventoso” del BPD e, dall’altro, Susanna ha mostrato il lato stigmatizzato.

Masland e Null elencano una serie di problemi che le persone con BPD affrontano nelle professioni di salute mentale derivanti dalle caratterizzazioni negative del disturbo nella letteratura clinica. Questi includono la mancanza di empatia , la tendenza a sminuire il paziente e persino il desiderio di allontanamento sociale o di evitamento completo. Tuttavia, gli autori sottolineano che il successo dei trattamenti progettati specificamente per i pazienti con questo disturbo sta avendo un impatto lento e costante nel ribaltare questi atteggiamenti negativi.

Cosa succede quando le persone con BPD vengono chiamate “Borderline”

Passando alla questione dell’equiparazione delle persone ai loro disturbi, Masland e Null suggeriscono che sebbene la psichiatria e la psicologia si stiano allontanando da questo tipo di caratterizzazione per la schizofrenia, non sta accadendo nel caso del BPD. A titolo di esempio, anche in contesti specializzati, notano gli autori, “è comune sentire i pazienti indicati come ‘borderline” e gli operatori di salute mentale possono arrivare al punto di usare un linguaggio come “‘oh no, è una borderline,’ ‘è molto borderline’… o ‘bad borderline.’”

Il problema con questo tipo di linguaggio è che tali “etichette nominali” implicano la permanenza della condizione così come una perdita di personalità. Creano, notano gli autori, “una maggiore approvazione degli atteggiamenti stigmatizzanti”. Inoltre, le etichette nominali utilizzate per le persone con disturbi psicologici preparano il pubblico ad avere atteggiamenti più negativi nei confronti della malattia mentale in generale, in particolare quando qualcuno con un disturbo psicologico si comporta in modo violento. È l’omicidio e il caos che le notizie enfatizzano in questi rari eventi, plasmando ulteriormente la paura e la mancanza di empatia per le persone che meritano effettivamente compassione e comprensione.

Come se tutta questa visione negativa delle persone con BPD non fosse abbastanza, Masland e Null notano l’ulteriore influenza del sessismo . Sebbene la prevalenza di BPD sia approssimativamente uguale negli uomini e nelle donne, è più probabile che la diagnosi effettiva di BPD si verifichi per le donne come un disturbo “emotivo”. Vedere un cosiddetto disturbo ” genere -tipico” in una persona, reale o fittizia, suggeriscono gli autori, può portare le persone a pensare che l’individuo non abbia un disturbo “genuino“.

Mettere alla prova lo stigma del BPD

Con tutto questo come sfondo, il team di ricerca del Pomona College-McLean ha fornito ai loro due campioni online vignette che ritraggono individui che variano nel disturbo (nel primo studio) e nel genere (nel secondo studio). La struttura di base ha confrontato gli atteggiamenti stigmatizzanti nei confronti della malattia mentale dopo che i partecipanti hanno letto la vignetta corrispondente alla loro condizione. Per il primo studio, nella condizione senza etichetta , la persona nella vignetta è stata descritta senza alcuna informazione diagnostica diversa dall’età e dal sesso. Nella condizione di etichetta prima persona, la persona nella vignetta è stata descritta come qualcuno “con” il disturbo, di BPD o schizofrenia, e nella condizione di etichetta del sostantivo , la persona è stata descritta come “borderline” o “schizofrenica”.

Queste manipolazioni hanno comportato l’inizio degli scenari in cui il protagonista si è impegnato negli stessi comportamenti. Per le condizioni di BPD, il protagonista è stato coinvolto in molteplici tentativi di suicidio ed era stato ricoverato più volte. Per la condizione di schizofrenia, il protagonista è stato descritto come udito voci e avere pensieri paranoici. Il secondo studio ha manipolato il genere del protagonista solo per il BPD. Ad esempio, nella condizione dell’etichetta del sostantivo BPD, lo scenario iniziava come segue: “Anna è una borderline di 27 anni…”

Puoi vedere come segneresti sulla misura dell’atteggiamento stigmatizzante valutando le tue opinioni su una scala da 1 (per niente) a 9 (molto) su queste 9 serie di elementi: rabbia, evitamento, colpa, coercizione, pericolosità, paura , aiuto, pietà e segregazione. Quanto di ciascuno di questi sentimenti sperimenteresti in base al modo in cui la persona nella vignetta è stata etichettata?

I risultati hanno sorpreso gli autori e sono stati contrari alla previsione principale dello studio. I partecipanti hanno valutato l’individuo nella vignetta più duramente quando non è stata fornita alcuna etichetta diagnostica. Era molto probabile che si considerassero alti per rabbia, colpa, pericolosità e paura quando leggevano del personaggio che tentava il suicidio la cui diagnosi non era stata fornita.

Scavando più a fondo nei risultati, Masland e Null sono stati in grado di dimostrare che il personaggio con la diagnosi di BPD ha innescato più rabbia e colpa rispetto al personaggio nella vignetta con schizofrenia. Questa scoperta suggerisce che le persone con BPD sono viste duramente a causa della loro apparente mancanza di controllo sul proprio comportamento e sulle proprie emozioni. Le persone con schizofrenia, al contrario, soffrono di allucinazioni e delusioni che, in virtù della loro serietà, sembrerebbero meno controllabili. Un’ulteriore sfumatura nei risultati è stata la più alta valutazione della pietà nei confronti della donna rispetto all’uomo con BPD. Questo risultato è coerente con lo stereotipo di genere delle donne come “deboli, vulnerabili o pietose”.

Se l’etichetta del sostantivo non genera atteggiamenti più negativi dell’etichetta diagnostica, questo significa che va bene chiamare le persone con BPD “borderline”? L’etichetta non ha importanza finché viene fornita una diagnosi? Secondo gli autori, sebbene i risultati non abbiano supportato le loro ipotesi iniziali sull’impatto dell’etichettatura sullo stigma, sostengono che le persone hanno reagito ai comportamenti stessi in modo coerente con gli atteggiamenti duri nei confronti di individui che sembrano non avere il controllo sul proprio comportamento .

Guardando indietro alle vignette stesse, ricorda che il personaggio con BPD è stato ritratto come ricoverato in ospedale molte volte dopo aver tentato il suicidio. Questo comportamento è stato sufficiente per indurre le persone a riferire di aver provato una serie di emozioni negative, inclusa la colpa. Perché una persona che ha tentato il suicidio dovrebbe essere considerata biasimevole?

È anche importante considerare chi era nel campione. Entrambi i gruppi online erano prevalentemente bianchi e di status socioeconomico più elevato rispetto alla popolazione generale. Inoltre, non avevano una formazione specifica sulla salute mentale. I professionisti avrebbero, “attraverso la formazione e l’esperienza”, più “idee consolidate sulla BPD”. La ricerca futura potrebbe utilizzare il paradigma sperimentale sviluppato da Masland e Null in quei campioni.

Sharing
Call Now Button