Sharing
 fizkes/Shutterstock

La formazione reattiva è un meccanismo di difesa in cui le persone esprimono il contrario dei loro veri sentimenti, a volte in misura esagerata. Per esempio, un uomo che si sente insicuro della sua mascolinità potrebbe agire in modo eccessivamente aggressivo. O una donna con un disturbo da uso di sostanze può esaltare le virtù dell’astinenza. Questa dinamica è spesso riassunta dalla famosa frase di Shakespeare nell’Amleto: “La signora protesta troppo, mi sembra”.

Il concetto di meccanismi di difesa fu sviluppato da Sigmund Freud e da sua figlia Anna Freud. Hanno concettualizzato uno spettro di meccanismi di difesa da maturi a immaturi, in cui la formazione reattiva è considerata intermedia. Molte teorie freudiane sono state smentite nel tempo, ma i meccanismi di difesa come la formazione reattiva hanno resistito.

La formazione reattiva nella terapia e nella salute mentale

La tendenza controintuitiva ad adottare convinzioni diametralmente opposte alle proprie è guidata dal desiderio di proteggere l’ego: la vera natura dell’individuo può essere considerata inaccettabile dall’individuo stesso, dai suoi cari o dalla società in generale.

Per esempio, un uomo che desidera disperatamente l’amore, ma non riesce mai a sviluppare una relazione, può iniziare a sposare esteriormente opinioni misogine. Negando i suoi veri sentimenti, può proteggere la sua autostima.

La formazione reattiva può essere un meccanismo di coping temporaneo, ma è improduttivo a lungo termine. Ignora le convinzioni sottostanti o le sfide che devono essere affrontate, il che può danneggiare la salute mentale.

Quando la formazione di reazione diventa problematica?

La formazione reattiva si verifica perché un individuo è ansioso o a disagio per una particolare convinzione, tratto o preferenza. Dimostrando il contrario, quella caratteristica scomoda rimane misconosciuta, sia a se stessi che agli altri. Ma è più salutare per le persone esprimere il loro sé autentico, quindi la formazione reattiva può danneggiare il benessere nel tempo.

Come si affronta la formazione di reazione in terapia?

Se un paziente sembra avere convinzioni intense, audaci o esagerate su qualcosa, questo può segnalare che la formazione reattiva è in gioco. Un terapeuta potrebbe affrontarlo aiutando il paziente a esplorare e accettare la sfida sottostante che sta causando angoscia. Se un giovane insiste nel dire che ha un rapporto perfetto con suo padre, il terapeuta può aiutare il paziente a lavorare su un conflitto con suo padre che è ansioso di riconoscere.

La formazione reattiva può essere complessa da identificare, perché la persona è spesso molto insistente sulle sue convinzioni. Ed è importante affermare che la maggior parte delle persone che sono appassionate delle loro convinzioni sono genuine – fidarsi della persona dovrebbe essere la prima risposta. Ma ci sono ancora casi in cui la formazione reattiva si verifica nella vita quotidiana, come nelle relazioni o nella politica.

La formazione reattiva può influenzare le relazioni?

Un modo in cui la formazione reattiva si verifica nelle relazioni è quando una persona è a disagio con i suoi sentimenti di affetto per l’altro. Invece di abbracciare la persona, la formazione reattiva può portarla a disimpegnarsi, litigare o ferirla. Questa è una versione adulta di una comune dinamica infantile, ad esempio quando prese in giro, tirate di capelli e altre richieste di attenzione possono segnalare che un bambino ha una “cotta” per un altro.

La formazione reattiva può coinvolgere credenze e opinioni sessuali?

La tendenza a protestare pubblicamente e con veemenza contro un desiderio scomodo a volte si manifesta in coloro che lottano con il sesso o la sessualità. Per esempio, ci sono stati esempi di politici che predicano contro l’omosessualità ma sono essi stessi gay, e di politici che sostengono la legislazione contro le molestie ai bambini ma hanno essi stessi abusato sessualmente dei bambini. La ricerca mostra che le convinzioni morali e religiose contrastanti, ad esempio, sulla pornografia possono contribuire all’autoidentificazione come persona dipendente da quella categoria. Anche se ci sono molti fattori che contribuiscono a queste situazioni, uno potrebbe essere che il disagio con gli aspetti del sesso e della sessualità porti a far uso della formazione reattiva.

Call Now Button