Sharing
more

Il disturbo depressivo persistente, noto come distimia o depressione di basso grado, è meno grave della depressione maggiore ma più cronico. Si verifica due volte più spesso nelle donne che negli uomini.

Il disturbo depressivo persistente (PDD) è un disturbo grave e invalidante che condivide molti sintomi con altre forme di depressione clinica. È generalmente vissuto come una forma meno grave ma più cronica della depressione maggiore. Il PDD era indicato come distimia nelle versioni precedenti del DSM.

Il PDD è caratterizzato da un umore depresso sperimentato per la maggior parte del tempo per almeno due anni. Nei bambini e negli adolescenti, l’umore può essere irritabile piuttosto che depresso. Oltre alla depressione o all’umore irritabile, devono essere presenti almeno due dei seguenti sintomi: insonnia o sonno eccessivo, bassa energia o fatica, bassa autostima, scarso appetito o sovralimentazione, scarsa concentrazione o indecisione e sentimenti di disperazione. I sintomi più gravi che caratterizzano la depressione maggiore, tra cui l’anedonia (incapacità di provare piacere), i sintomi psicomotori (in particolare letargia o agitazione) e i pensieri di morte o suicidio, sono spesso assenti nel PDD.

Il PDD può verificarsi da solo o in combinazione con altri disturbi dell’umore o psichiatrici. Per esempio, più della metà delle persone che soffrono di PDD sperimenteranno almeno un episodio di depressione maggiore; questa condizione è nota come doppia depressione. Rispetto alle persone con disturbo depressivo maggiore, quelle con PDD sono a più alto rischio di disturbi d’ansia e di uso di sostanze.

In un dato periodo di 12 mesi negli Stati Uniti, si stima che il PDD colpisca lo 0,5% delle persone. Come la depressione maggiore, il PDD si verifica due volte più spesso nelle donne che negli uomini.

Sintomi

Il segno principale del disturbo depressivo persistente (PDD) è un umore basso, cupo o triste che si verifica per la maggior parte della giornata, per più giorni, per almeno due anni. Le persone con PDD spesso descrivono il loro umore come costantemente triste o “giù di corda”. Altri sintomi possono includere:

Scarso appetito o sovralimentazione
Disturbi del sonno
Bassa energia o affaticamento
Bassa autostima
Scarsa concentrazione
Sentimenti di disperazione

Nel PDD, questi sintomi non sono direttamente il risultato di una condizione medica generale o dell’uso di sostanze. Inoltre, risultano in un funzionamento compromesso nel lavoro, nel sociale o nelle aree personali.

Cause

Anche se la sua causa esatta è sconosciuta, il disturbo depressivo persistente (PDD) sembra avere le sue radici in una combinazione di fattori genetici, biochimici, ambientali e psicologici. Inoltre, lo stress cronico e il trauma possono provocare il PDD.

Si ritiene che lo stress comprometta la capacità di regolare l’umore e impedisca alla tristezza lieve di approfondirsi e persistere. Anche le circostanze sociali, in particolare l’isolamento e la mancanza di supporto sociale, contribuiscono allo sviluppo del PDD. Questa causa può essere particolarmente debilitante, dato che la depressione spesso allontana coloro che sono nella posizione di fornire supporto, con conseguente aumento dell’isolamento e peggioramento dei sintomi. Inoltre, un trauma, la perdita di una persona cara, una relazione difficile o qualsiasi situazione stressante possono scatenare un episodio depressivo. Successivi episodi depressivi possono verificarsi con o senza un fattore scatenante evidente. In età avanzata, il PDD è più probabile che sia il risultato di malattie mediche, declino cognitivo, lutto e disabilità fisica.

La ricerca indica che le malattie depressive sono disturbi del cervello. Le tecnologie di imaging cerebrale, come la risonanza magnetica (MRI), hanno dimostrato che il cervello delle persone che hanno la depressione è diverso da quello delle persone senza depressione. Le parti del cervello responsabili della regolazione dell’umore, del pensiero, del sonno, dell’appetito e del comportamento sembrano funzionare in modo anomalo. Inoltre, importanti neurotrasmettitori – sostanze chimiche che le cellule cerebrali utilizzano per comunicare – sembrano essere fuori equilibrio. Ma queste immagini non rivelano il motivo della depressione.

Trattamento

Psicoterapia

Molte persone con disturbo depressivo persistente (PDD) non ricevono il trattamento di cui hanno bisogno; in molti casi perché vedono solo i loro medici di famiglia, che spesso non riescono a diagnosticare il disturbo. Parte del problema è che le persone che soffrono di PDD credono che i loro sintomi siano una parte inevitabile della vita. Nelle persone anziane, la demenza, l’apatia o l’irritabilità possono mascherare il PDD. Fare domande aperte – come “Come è stato il suo umore di recente?” – può aiutare un medico a iniziare a notare i segni del PDD.

Come la depressione maggiore, il PDD può essere trattato con una terapia di supporto che fornisce rassicurazione, empatia, educazione e costruzione di abilità. Come il processo di apprendimento, che comporta la formazione di nuove connessioni tra le cellule nervose nel cervello, la psicoterapia funziona cambiando il modo in cui il cervello funziona. Alcuni tipi di psicoterapia, come la terapia supportiva, la terapia psicodinamica e la terapia interpersonale (IPT), possono aiutare ad alleviare il PDD.

Call Now Button