fbpx

I nuovi padri possono sviluppare sintomi o disturbi depressivi. La depressione paterna postpartum può interferire con il legame padre-neonato ed è associata ad effetti avversi sullo sviluppo del bambino.

Questo articolo esamina alcuni aspetti della depressione paterna postpartum, insieme ai suoi potenziali effetti avversi sulla prole. Le caratteristiche cliniche, la valutazione, la diagnosi, la prevenzione e il trattamento della depressione maggiore materna postpartum e del blues postpartum sono discussi separatamente.

DEFINIZIONE DEL PERIODO POST-PARTUM
Definiamo il periodo postpartum come i primi 12 mesi dopo la nascita . Le definizioni del puerperio vanno dai primi 1 ai 12 mesi dopo un parto vivo.

EPIDEMIOLOGIA

Prevalenza — Sulla base di studi che hanno utilizzato interviste diagnostiche, la prevalenza stimata della depressione paterna postpartum varia dal 3 al 5%:

●Uno studio ha intervistato padri (n>2000) di bambini e ha scoperto che la prevalenza della depressione maggiore postpartum era di circa il 5% [ 4 ].

●Uno studio di un database clinico che includeva nuovi padri (n > 86.000) ha rilevato che quando i loro figli avevano un anno, si era verificato un episodio di depressione postpartum nel 3% [ 5 ].

I tassi di prevalenza in questi due studi sembrano essere paragonabili al tasso di prevalenza a un anno nella popolazione generale degli uomini. Altri studi suggeriscono anche che il rischio di depressione è paragonabile per gli uomini che sono partner di donne dopo il parto e per gli uomini che non lo sono . Pertanto, i maschi possono sperimentare la nascita del loro bambino come un fattore di stress psicosociale non specifico, paragonabile ad altri fattori di stress, come la perdita del lavoro.

Sebbene altri studi abbiano riportato tassi di prevalenza più elevati, questi studi possono sovrastimare la vera prevalenza perché quasi tutti gli studi hanno identificato casi di depressione paterna con questionari di autovalutazione, piuttosto che interviste diagnostiche . Una meta-analisi che includeva 25 studi (n >10.000 partner maschi di donne dopo il parto) e una seconda meta-analisi (42 studi, n >17.000 partner maschi) ha suggerito che la prevalenza della depressione postnatale paterna era di circa l’8-13 percento, a seconda di quando durante il periodo postpartum gli uomini erano stati valutati. Tuttavia, entrambe le meta-analisi hanno rilevato che il tasso di prevalenza era inferiore negli studi che utilizzavano interviste diagnostiche. Ad esempio, una delle meta-analisi ha rilevato che negli studi che hanno utilizzato le interviste, la prevalenza stimata della depressione postnatale paterna era del 5% .

Fattori di rischio — I fattori di rischio per la depressione paterna postnatale includono [ 5,8,10-14 ]:

●Storia di depressione prima della gravidanza del partner

●Gravidanza non pianificata

●Ansia o depressione paterna prenatale

●Stato di salute generale paterno da discreto a scarso

●Deprivazione socioeconomica e disoccupazione paterna

●Scarso supporto sociale

●Cessazione del rapporto con il partner

●Depressione perinatale nel partner (depressione materna)

●Altri bambini in famiglia

Una precedente storia di depressione aumenta il rischio di recidiva della depressione non solo durante il periodo postpartum ma in generale.

Inoltre, la discordia coniugale e la depressione paterna postnatale sono associate tra loro in modo tale che ciascuna aumenta il rischio per l’altra. Ulteriori informazioni sulla depressione e sulla disfunzione coniugale e su come ciascuna può esacerbare l’altra vengono discusse separatamente.

Sharing
Call Now Button