Kiefer Pix Shutterstock

Cos’è l’ansia?

L’ansia è uno stato mentale e fisico di aspettativa negativa. Mentalmente è caratterizzata da un aumento dell’eccitazione e dell’apprensione torturata in una preoccupazione angosciante, e fisicamente da una spiacevole attivazione di più sistemi corporei, il tutto per facilitare la risposta a un pericolo sconosciuto, reale o immaginato.

Le sensazioni cognitive di terrore in previsione di qualche risultato negativo, e le sensazioni fisiche come il nervosismo e un cuore in corsa sono progettate per il disagio. L’ansia ha lo scopo di catturare l’attenzione e stimolarvi a fare i cambiamenti necessari per proteggere ciò che vi sta a cuore. Gli attacchi d’ansia occasionali sono naturali e possono anche essere produttivi. L’ansia può essere considerata il prezzo che noi umani paghiamo per avere la capacità di immaginare il futuro.

Quando l’ansia diventa un disturbo

Ma l’ansia persistente, pervasiva o eccessiva può sconvolgere la vita quotidiana, a scuola, al lavoro o con gli amici: il segno di un disturbo d’ansia. Quasi un terzo degli adulti negli Stati Uniti, ad esempio, si troveranno ad affrontare un’ansia fuori controllo a un certo punto della loro vita.

L’ansia è spesso accompagnata da depressione, e i due condividono molti sintomi e coinvolgono molte delle stesse vie cerebrali. La biologia può contribuire alla vulnerabilità all’ansia, così come le esperienze dell’infanzia, come i traumi precoci e le pratiche genitoriali come l’iperprotezione.

Non è né possibile né auspicabile eliminare completamente l’ansia, poiché essa svolge un ruolo cruciale nel tenerci svegli e vivi. Il trattamento è orientato a mantenere l’ansia a livelli gestibili. L’ansia può essere trattata con successo utilizzando la terapia, i farmaci o entrambi. Anche le misure dello stile di vita, come l’esercizio fisico regolare e la respirazione profonda, sono estremamente importanti per controllare l’ansia.

L’ansia è oggi il principale problema di salute mentale in tutto il mondo, e l’incidenza dell’ansia è ancora in aumento, soprattutto tra i giovani. Un numero sempre maggiore di bambini e adolescenti vengono diagnosticati con il disturbo.

Una ragione spesso citata per l’aumento generale dell’ansia è il peso dell’incertezza in quasi tutti i settori della vita moderna, in risposta a una serie di cambiamenti economici e culturali. L’incertezza non provoca ansia, ma ne costituisce il terreno fertile.

Due fattori importanti che contribuiscono all’ansia tra i giovani sono le pratiche genitoriali che proteggono eccessivamente i bambini e l’ascesa dei social media. La tecnologia offre nuove opportunità per mettere in contatto le persone, ma porta anche a nuove esperienze di confronto sociale negativo e a nuovi percorsi di esclusione sociale.

Come riconoscere i segni dell’ansia

L’ansia si dichiara non solo con interminabili ansie di preoccupazione nella mente, ma anche con un dolore lancinante nel corpo, da un generale nervosismo e tremolio a un ronzio nelle orecchie e al fiato corto.

I sintomi corporei dell’ansia possono essere altamente fuorvianti. Non solo sono spesso mal interpretati come segni di un attacco di cuore e di una imminente catastrofe – una caratteristica cardinale degli attacchi di panico – ma spesso portano a odissee di diagnosi mediche errate. I sintomi fisici possono essere considerati come il risultato di cause fisiche e, in una ricerca errata, la vera fonte del problema può continuare a non essere scoperta e non essere affrontata.

Come trattare l’ansia

I disturbi d’ansia possono spesso essere affrontati con successo con la psicoterapia, da soli o in combinazione con i farmaci, e con i cambiamenti di stile di vita. La psicoterapia ad orientamento psicodinamico, adattata alle ansie specifiche di un individuo, è una delle opzioni più efficaci. I pazienti imparano a sfidare schemi di pensiero distorti che creano così tanto disagio.

I cambiamenti dello stile di vita giocano un ruolo importante nella gestione a lungo termine dell’ansia. L’esercizio fisico, la respirazione profonda e i programmi di meditazione sono tutti rivolti a sfaccettature molto specifiche del disturbo.

Quando l’ansia è una malattia?

Gli attacchi d’ansia occasionali sono del tutto normali e costituiscono uno dei costi inevitabili per essere – e rimanere – vivi. Tuttavia, a volte le preoccupazioni vanno fuori controllo.

Possono insorgere senza una ragione evidente, o essere sproporzionate rispetto alla situazione, o durare oltre le mosse per risolvere qualsiasi possibile problema. Oppure la preoccupazione o i sintomi fisici vi spingono ad evitare situazioni che possono provocare disagio. L’ansia diventa un disturbo quando consuma troppa attività mentale o interferisce con le attività e le prestazioni.

Call Now Button