fbpx

Per gli esseri umani, una specie altamente sociale che dipende dal gruppo per la sopravvivenza, l’ attaccamento è tutto. Cos’è l’attaccamento? È la nostra capacità di legare con gli altri, che si basa su risorse condivise e vulnerabilità condivisa attraverso dimostrata empatia, cooperazione e integrità. In una parola, si tratta di fiducia, la capacità di fidarsi ed essere degni di fiducia.

Sano attaccamento

Gli esseri umani sviluppano la loro capacità di fiducia – e la sua forma più profonda, l’amore – principalmente attraverso le relazioni con i genitori/caregiver nei primi due o tre anni di vita. Queste relazioni diventano l’impronta che informa le nostre aspettative relazionali e il comportamento per tutta la nostra vita. Se riceviamo una maternità/ genitorialità “abbastanza buona” , in cui le nostre emozioni si rispecchiano in modo empatico e i nostri bisogni sono soddisfatti per la maggior parte del tempo, formiamo uno stile di attaccamento sicuro. L’attaccamento sicuro favorisce la fiducia in noi stessi e l’amor proprio, che ci permette di fidarci e amare gli altri, ed è la base per lo sviluppo di queste dimensioni chiave di una personalità sana :

  • regolazione emotiva
  • empatia
  • autostima
  • alfabetizzazione emotiva
  • auto-riflessione/consapevolezza
  • responsabilità personale
  • confini interpersonali
  • intimità con gli altri
  • Integrità morale

Se non sperimentiamo un ambiente empatico che risponde ai nostri bisogni di dipendenza durante l’ infanzia , l’attaccamento sano viene interrotto e ne derivano schemi di attaccamento insicuri.

Genitorialità narcisistica

Le personalità narcisistiche sono incapaci di fornire la sintonizzazione empatica di cui neonati e bambini hanno bisogno per formare schemi di attaccamento sicuri. Questo perché mancano dell’autoregolazione , della maturità emotiva e della capacità di connessione intima necessaria per formare legami di fiducia con chiunque. Anche se c’è un genitore amorevole nel sistema familiare, come partner del narcisista, è probabile che quel genitore abbia un modello di attaccamento insicuro ( legame traumatico ) che nega e consente l’abuso narcisistico e modella una relazione basata sulla paura con il narcisista.

Poiché i narcisisti oscillano internamente tra vergogna e superiorità compensativa (disprezzo di sé represso contro una persona idealizzata) e proiettano continuamente il proprio stato interiore sugli altri, trattano i loro figli come montagne russe di proiezioni idealizzanti e svalutanti. Possono vergognare e privare di potere i loro figli:

  • punindoli per l’espressione autentica (cioè, sentimenti naturali, bisogni, interessi, preferenze)
  • comportamenti condizionali gratificanti
  • secondo loro lode e privilegio immeritati

I genitori narcisisti creano spesso un ambiente familiare di sopravvivenza caratterizzato da rabbia, abbandono, iniquità, violazioni dei confini e abusi espliciti o passivo-aggressivi . Dinamiche come le seguenti sono spesso la norma nelle famiglie narcisistiche:

  • bullismo
  • colpa
  • concorrenza
  • umiliazione
  • ipercritica
  • manipolazione
  • invischiamento
  • proiezione
  • rifiuto
  • aspro confronto
  • capro espiatorio
  • triangolazione
  • campagne diffamatorie
  • genitorialità

Tipico anche dei genitori narcisisti è una campagna di propaganda in corso che nega gli abusi e promuove manie di eccezionalismo e/o vittimismo, deliri che sono spesso supportati da estranei ingannati dalle persuasive personalità pubbliche del genitore.

Attaccamento insicuro nei figli dei narcisisti

I bambini cresciuti in famiglie narcisistiche affrontano una terribile realtà. Dall’infanzia in poi, le persone su cui fanno affidamento per soddisfare i loro bisogni di dipendenza per protezione, educazione e modellazione violano regolarmente la loro fiducia. Non c’è uscita per i bambini in questa situazione. L’attaccamento è necessario per sopravvivere, ma ricevono solo un’ambivalenza inaffidabile e spaventosa.

Una mia paziente ha catturato questa situazione in modo toccante nella sua descrizione di quello che pensava fosse un incubo ricorrente, ma si è resa conto che era un ricordo precoce : “Sono nella mia culla. Mia madre è in piedi sulla soglia, una sagoma scura. La sento che mi guarda. Sento desiderio e paura, come se affogassi. Mi sento piccola, ed è buio e spaventoso, e voglio solo che venga a prendermi, ma non voglio che venga”.

I bambini che sperimentano un attaccamento pericoloso con gli adulti nella loro vita sono abitualmente in lotta/fuga, uno stato intensificato che, quando attivato cronicamente, ostacola un sano sviluppo. Poiché la loro dipendenza impedisce loro di combattere o fuggire dai loro aggressori, molti bambini in questo ambiente si dissoceranno dai loro sentimenti naturali di rabbia e paura, negheranno l’abuso e incolperanno se stessi per i problemi nella relazione familiare.

La dissociazione, la negazione e il senso di colpa vissuti come vergogna sono difese necessarie nei bambini che sono emotivamente trascurati o maltrattati dalle persone a cui devono rivolgersi per prendersi cura . Come meccanismi di sopravvivenza hanno senso, ma hanno un costo.

Narcisismo vs. auto-abnegazione

I bambini con trauma da attaccamento lottano con la vergogna sottostante, un sistema nervoso iperattivato , confusione di confine e autostima e sviluppo dell’identità non sufficientemente supportati .

Alcuni possono identificarsi con il genitore narcisista e crescere fino a diventare loro stessi relazionalmente abusivi. I bambini che formano una personalità narcisistica possono chiudere il loro sé emotivo all’inizio del loro sviluppo e armarsi di vulnerabilità-evitamento, antagonismo relazionale, vergogna e rabbia esternalizzate (proiettate) e delusioni grandiose e/o vittime. Il loro meccanismo narcisistico è una risposta primitiva, nel senso che si basa pesantemente sulle difese infantili della negazione e della proiezione, sacrifica aspetti profondi dello sviluppo psico-emotivo e morale e ha un impatto traumatizzante su coloro che li circondano, sia individui che gruppi sociali.

I bambini con attaccamento insicuro che sviluppano empatia, al contrario, adottano in genere modelli di abnegazione di sé, sacrificando i propri interessi a favore di quelli degli altri. Questi bambini lottano con il self-agency interrotto, i confini insicuri, la rabbia interiorizzata (autodiretta) e la vulnerabilità al bullismo e ai legami traumatici nelle loro relazioni sociali, lavorative e intime. In breve, sono vulnerabili all’abuso narcisistico e al negare e consentire l’abuso narcisistico degli altri.

Entrambe le risposte ai traumi infantili sono compensazioni adattive per sostenere la sopravvivenza che devono essere superate per raggiungere l’equilibrio, la salute e la guarigione nell’età adulta. Il primo sostiene il sé a spese degli altri; il secondo sostiene gli altri a spese del sé. È importante notare che questi due tipi di personalità esistono su un continuum complesso che può combinare aspetti del narcisismo e dell’abnegazione di sé, così come altri modelli di coping.

Prognosi di recupero

Poiché le personalità narcisistiche in genere mancano di connessione empatica con se stesse o con gli altri e funzionano reprimendo la consapevolezza di sé e proiettando aspetti negativi del sé sugli altri, raramente sono in grado di tollerare il lavoro autoriflessivo emotivamente vulnerabile necessario per costruire fiducia e compassione.

Le personalità auto-abneganti, d’altra parte, hanno più potenziale per guarire schemi di attaccamento insicuri perché hanno accesso al sé interiore vulnerabile, vogliono intimità con gli altri e hanno la capacità di tollerare l’autoriflessione e assumersi responsabilità personali. Il loro percorso verso la guarigione e l’integrità dipende dalla volontà di rilasciare la negazione, disimpegnarsi dagli abusi (legami traumatici) e apprendere confini relazionali sicuri e autodifesa.

Sharing
Call Now Button