gg-10178688

 

L’attuale paradigma psicoanalitico vede un crescente sviluppo dell’indirizzo intersoggettivo a discapito del modello classico della mente e della situazione analitica tradizionale. La relazione analitica ruota attorno al coinvolgimento intersoggettivo di analista e paziente.

All’interno del modello relazionale intersoggettivo che fa da parametro al procedere della relazione psicoanalitica, non vige alcuna divisione di ruoli quali quelli di: maschile-femminile, attivo-passivo, conoscente-conosciuto, tra chi interpreta e chi è interpretato, tra chi dà e chi riceve, in una parola tra soggetto e oggetto. Questo è possibile grazie al fatto che i due della relazione psicoanalitica facendo leva sulla loro capacità riflessiva prendono distanza via via sempre più da sé stessi e dalla situazione contingente nella quale sono entrambi calati e si progettano nel tempo nella libertà.

In questa maniera eros e logos cessano la loro contrapposizione secolare e anzi si fanno alleati uno dell’altro. Infatti gli “equivoci” che si danno all’interno della relazione costituita dalla coppia analista-analizzato e che nel gergo proprio di questa disciplina prendono il nome di transfert e di controtransfert, in ultima analisi vengono a coincidere con la stessa modalità relazionale interdipendente la cui critica radicale non è stata ancora condotta sino in fondo, prova ne sia che nel modello relazionale intersoggettivo non si danno più “equivoci” non avendo più i due partner della relazione intersoggettiva altra aspettativa che quella del dirsi dell’altro nella libertà.

E invece sono proprio questi equivoci ciò che costituiscono l’inconscio quali sintomi dell’interdipendenza stessa. Ciò si spiega abbastanza facilmente se si pone attenzione al fatto che mentre il modello intersoggettivo è quello di una relazione in cui l’unica aspettativa che l’uno ha verso l’altro è solo quella che l’altro ci sia ma in libertà. Non è così nell’interdipendenza, ed è proprio questa diversa aspettativa che fonda e struttura l’inconscio e tutti i sintomi dell’inconscio: transfert e controtransfert.

Il principio di intersoggettività fa del metodo psicoanalitico, quale metodo di trasformazione delle realtà relazionali, quanto di più seriamente critico vi possa essere dell’ordine relazionale strutturato sulla divisione dei ruoli.