psychology-therapy-concept-doctor-holding-red-block-to-repair-compartmentalized-human-brain-as-mental-health-symbol-39773605

 

 

 

Il Disturbo oppositivo provocatorio si riferisce ad un modello ricorrente di livelli inadeguati di comportamento evolutivamente negativistico, provocatorio, disobbediente, e ostile verso le figure di autorità. I comportamenti associati al disturbo oppositivo-provocatorio sono, ad esempio, lo sfidare attivamente rifiutando di rispettare le norme e le richieste degli adulti, scoppi di collera frequenti. I genitori di bambini con disturbo oppositivo provocatorio sono più propensi a utilizzare i servizi di salute mentale rispetto a genitori di bambini con altri disturbi del comportamento dirompente.

Nonostante la sua rilevanza clinica, si sa ancora troppo poco circa il disturbo oppositivo provocatorio. Ciò può essere dovuto, in parte, ad una tendenza a visualizzare il disturbo oppositivo semplicemente come una variante del disturbo della condotta.

In effetti, la maggior parte degli studi sui disturbi da comportamento dirompente hanno messo insieme i bambini con disturbo oppositivo provocatorio e quelli con disturbo della condotta in un’unica categoria generica, spesso chiamati “problemi della condotta”. 

Certamente una chiara sovrapposizione è stata stabilita tra disturbo della condotta e disturbo oppositivo provocatorio, e ci sono prove che suggeriscono che il disturbo oppositivo provocatorio precede il disturbo della condotta in una percentuale sostanziale di casi . Tuttavia, la maggior parte dei bambini con disturbo oppositivo provocatorio non ha disturbi della condotta, e molti bambini con disturbo oppositivo provocatorio presentano comportamenti di opposizione in corso senza mai sviluppare un vero e proprio disturbo della condotta . Infatti, le diagnosi di disturbo della condotta nei giovani con disturbo oppositivo provocatorio sono piuttosto rare al di là dei 6 anni di vita.

Una migliore comprensione del disturbo oppositivo provocatorio pertanto richiede l’esame dei correlati clinici della malattia indipendentemente dalla sua associazione con il disturbo della condotta. Tali informazioni possono rafforzare la nostra comprensione del disturbo oppositivo provocatorio come entità nosologica significativa e portare ad approcci terapeutici migliori volti a migliorare il disturbo. A questo fine, lo scopo è quello di determinare il significato clinico del disturbo oppositivo provocatorio da solo (cioè indipendentemente dal disturbo della condotta) esaminando le interazioni familiari, il funzionamento sociale, e la comorbidità psichiatrica con il disturbo oppositivo provocatorio o con il disturbo della condotta in comorbidità.

 

gg-86479639