images15

La Mindfulness, che prende origine da filosofie e pratiche orientali (buddhismo, yoga, meditazione), è una modalità di porre e mantenere l’attenzione a quello che accade in noi stessi momento per momento.

È una forma di contemplazione di ciò che viviamo, pensiamo e proviamo senza giudicarlo né rifiutarlo. Osserviamo in maniera intenzionale e consapevole la nostra esperienza nel qui ed ora.

Portando e mantenendo l’attenzione su di noi, diventeremo consapevoli di tutta una serie di aspetti (pensieri, emozioni, sensazioni) che in genere non notiamo.

Ad esempio, soffermandoci a osservare i nostri pensieri prenderemo coscienza di quanto questi si muovano velocemente nella nostra mente, e di come questa salti da una cosa all’altra.

Ci accorgeremo anche che più ci “invitiamo” a concentrarci su qualcosa e più tenderemo a distrarci.
Inoltre ci renderemo conto di quanto i pensieri influenzino il nostro stato d’animo (emozioni) e il nostro stato fisico (tensioni, dolori, sensazioni, ecc.) e viceversa.

La consapevolezza di noi è importante per conoscere e capire le nostre emozioni e i nostri pensieri, così che nel tempo riusciremo a gestirli senza esserne sopraffatti.
La pratica costante della Mindfulness porta diversi benefici psico-fisici: riduce lo stress e l’ansia, migliora la pressione sanguigna e il funzionamento del sistema immunitario, favorisce il rilassamento muscolare e mentale.

La Mindfulness viene messa in pratica attraverso esercizi che coinvolgono la mente e il corpo, ed hanno lo scopo di allenare la consapevolezza di se stessi.

Yoga e Meditazione

La Mindfulness si realizza tramite la Meditazione e/o con gli esercizi di Yoga. Grazie a queste pratiche la mente “si allena” all’attenzione consapevole. Nella Meditazione è centrale il respiro.
Prestare attenzione al respiro, tenendolo come punto di osservazione, ci permette di esplorare cosa si muove in noi senza perderci quando i nostri pensieri tendono a portarci lontano. Il respiro, quindi, è l’ancora che ci riporta a noi quando la nostra mente va al largo.

Come si pratica?

La Meditazione si può praticare sia da fermi (seduti) che in movimento (camminata). Nel primo caso si assume una posizione confortevole (su una sedia o per terra su un cuscino a gambe incrociate) e si resta concentrati sul respiro.

Si può osservare il passaggio dell’aria attraverso il naso e seguire il percorso che fa: naso, polmoni, pancia e ritorno. Per chi ha maggiori difficoltà a restare fermo per un po’, specie all’inizio della pratica, è possibile meditare camminando.

 

images14