I narcisisti hanno un posto di rilievo nell’immaginazione popolare e l’etichetta di narcisismo è ampiamente utilizzata per riferirsi a persone che sembrano troppo piene di se stesse. C’è anche un crescente riferimento rispetto al fatto che il narcisismo sia in aumento in tutto il mondo, specialmente tra i giovani, ma la ricerca psicologica non supporta questa idea, almeno per il momento.

Il narcisismo, come molti altri tratti, è correttamente visto su uno spettro. Il narcisismo patologico, sotto forma di disturbo narcisistico della personalità, è sempre stato raro e rimane tale: colpisce circa l’1 percento della popolazione, una prevalenza che non è cambiata da quando i clinici hanno iniziato a misurarlo.

Il disturbo può essere diagnosticato solo da un professionista della salute mentale ed è sospettato quando i tratti narcisistici di una persona compromettono il loro funzionamento quotidiano. Questa disfunzione in genere provoca attrito nelle relazioni a causa della mancanza di empatia del narcisista patologico. Può anche manifestarsi come antagonismo, alimentato dalla grandiosità e dalla ricerca dell’attenzione. Nel considerarsi superiore, il narcisista patologico vede naturalmente tutti gli altri come inferiori e può essere intollerante al disaccordo o all’interrogatorio.

Per quanto riguarda il resto di noi, il narcisismo è un tratto che ognuno di noi mostra in misura maggiore o minore. La capacità di vederci positivamente può essere utile; considerarti un po ‘speciale può creare fiducia in te stesso.

Il Narcissistic Personality Inventory (NPI), sviluppato da Robert Raskin e Calvin S. Hall nel 1979, è la misura più comunemente usata per valutare i tratti narcisistici. I punteggi vanno da 0 a 40, con la media che tende a scendere nei ragazzi.

Le persone sane che ottengono un punteggio leggermente più alto sul tratto possono essere percepite come estremamente affascinanti, specialmente quando le incontriamo per la prima volta, ma alla fine si presentano come vane. Possono parlare di se stessi un po ‘di più o indagare sugli altri meno spesso rispetto ad altre persone. Tali individui possono avere incontri personali imbarazzanti o stressanti, ma avere comunque una personalità fondamentalmente sana.

È facile utilizzare l’etichetta “narcisista” su qualcuno che passa un po ‘troppo tempo a parlare della sua carriera o che non sembra mai dubitare di se stesso, ma il narcisismo è più complicato di quanto possa sembrare: non è un surplus di autostima, ma comprende in modo più preciso una fame di apprezzamento o ammirazione, un senso di particolarità e un desiderio di essere al centro dell’attenzione, e un’aspettativa di trattamento speciale che riflette lo stato superiore percepito.

Questi e altri tratti possono rivelarsi dannosi nelle relazioni, sia romantiche, familiari o professionali. È interessante notare che, oltre a pensare di essere migliori e più meritevoli di altri, la ricerca suggerisce che le persone altamente narcisiste spesso ammettono di essere anche più egocentriche.

Call Now Button